Sindaci a Roma, Pogliese: "Necessari interventi per aiutare i Comuni siciliani" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

la dichiarazione

Sindaci a Roma, Pogliese: “Necessari interventi per aiutare i Comuni siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

di
3 Novembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

In merito alla manifestazione dei primi cittadini siciliani che si è svolta oggi a Roma a palazzo Chigi, il sindaco di Catania Salvo Pogliese, che ha partecipato anche alla delegazione ristretta che ha incontrato il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati e i rappresentanti del governo Draghi, ha diffuso la seguente dichiarazione: “Nel giorno in cui il Senato ha votato il disegno di legge che riconosce il valore costituzionale dell’insularità per Sicilia e Sardegna, a Roma, con un centinaio di sindaci di ogni schieramento politico abbiamo rappresentato le ragioni del buon governo dei Comuni dell’isola, duramente provati da vincoli e impedimenti che ne rallentano l’azione. Al presidente del Senato Alberti Casellati, al vicepresidente della Camera Fabio Rampelli ai Ministri Gelmini Lamorgese, e al viceministro Laura Castelli, abbiamo rappresentato oggettive esigenze organizzative per non fermare lo sviluppo della Sicilia: nuove unità di personale tecnico e specializzato per i Comuni, maggiori flessibilità nell’adozione degli strumenti economico-finanziari, il recupero dei tributi pregressi con nuovi meccanismi nella lotta all’evasione tributaria grazie al passaggio da Riscossione Sicilia ad Agenzia per le Entrate. Non siamo andati nella Capitale con il cappello in mano a chiedere prebende, ma a pretendere strumenti per governare nell’interesse della collettività. Auspichiamo che il Governo intervenga per concretizzare queste proposte, necessari a  ridare valore e orgoglio alla fascia tricolore che ogni giorno indossiamo nella frontiera dei bisogni delle nostre città di Sicilia, della nostra gente a cui dobbiamo dare coraggio e speranza per sentirci ancora più italiani, tutti figli dell’Italia una e indivisibile“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.