Sindaco di Messina, la Lega dice no all'ipotesi Maurizio Croce :ilSicilia.it
Messina

verso le elezioni

Sindaco di Messina, la Lega dice no all’ipotesi Maurizio Croce

di
10 Marzo 2022

Se su Matilde Siracusano le perplessità erano di Luigi Genovese (sia pure smussate con un comunicato stampa del deputato regionale), a tirare il freno a mano sul nome di Maurizio Croce è la Lega.

LO STOP A MAURIZIO CROCE

Un no netto all’ipotesi  Maurizio Croce non sulla persona (stimato professionista) ma sulla figura “basta tecnici” e sul perimetro “non è un esponente di partito”. Paradossalmente anche sul fronte centrosinistra si è scatenato uno scontro con analoghe motivazioni per il nome di Mimmo Sorrenti, presidente del Birrificio Messina lanciato dalla parlamentare a 5stelle Angela Raffa. Anche in questo caso il no è su perimetro e ruolo.

Tornando al centrodestra,, a mettere il veto su Maurizio Croce è il coordinatore cittadino della Lega Nino Beninati (ex assessore regionale ed ex deputato Ars) che invita gli alleati ad un incontro urgente alla presenza dei responsabili regionali, responsabili locali ed alla deputazione regionale e nazionale. Del resto Cateno De Luca è in campagna elettorale per Federico Basile da un mese e va avanti e indietro per villaggi e periferie acquisendo candidati per le 5 liste.

 

AVVISO AI NAVIGANTI

Nino Beninati non cita chi ha la paternità del nome di Maurizio Croce (dirigente Bonifiche della Regione Siciliana, Commissario attuatore per il dissesto idrogeologico, ) facendo riferimento ad un responsabile regionale del centro destra. Ma i destinatari del messaggio sono almeno due: il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè e Beppe Picciolo che portò Maurizio Croce in giunta Crocetta in quota Sicilia Futura ma come tecnico. C’è chi sussurra del sì di altri alleati ma in realtà i malumori tra forzisti e Fratelli d’Italia non sono mancati ed a prendere la patata bollente dell’ufficializzare lo stop è stata la Lega.

IL PERIMETRO E’ IL CENTRODESTRA

Quanto accaduto con un responsabile regionale del Centrodestra che ha ritenuto di indicare un nome a candidato sindaco  senza aver prima convocato la coalizione, non aiuta alla compattezza e democratico confronto all’interno della coalizione- spiega Nino Beninati- Riteniamo pertanto di evitare di spendere nomi senza prima organizzare un incontro del centrodestra da tenersi a Messina. Per quanto ci riguarda il candidato a sindaco dovrà determinarsi dal perimetro del CDX e solo successivamente valutare l’allargamento con altri partiti o suoi rappresentanti”.

NO A NOMI IMPOSTI

Il messaggio è molto chiaro: nessuno pensi d’imporre nomi senza consultare gli altri ma soprattutto il perimetro è quello della coalizione di centrodestra. La Lega a Messina in sintesi non vuol essere una “comparsa” ma avere un ruolo centrale nelle decisioni che porteranno all’individuazione del candidato sindaco e del programma alternativo a quello di De Luca.

SERVE UN PROGRAMMA

Stiamo lavorando per preparare la lista e le nostre proposte politiche che riguardano cose concrete e fattibili, senza tram volanti, casinò, mortificazione dei dipendenti comunali, azzeramento e mortificazione del ruolo dei quartieri ed altro. Vogliamo riportare ad almeno 8 i quartieri circoscrizionali, dotandoli di una risorse economiche per la gestione delle piccole manutenzioni ed emergenze. E’ opportuno inoltre rivalutare con una approfondita analisi costi-benefici, l’attuale tracciato del tram, in particolare lungo la cortina del porto, oggi sbarramento ed ostacolo da e per il porto”.

URGENTE UNA RIUNIONE

Insomma le idee ci sono, sbotta Beninati, dobbiamo iniziare a trottare se vogliamo dire la nostra in una campagna elettorale fin qui con un solo protagonista. Basta attese e rinviii è tempo di muoversi e la Lega sta già costruendo la lista dei candidati al consiglio comunale e nelle Municipalità. Al lavoro insieme a Nino Beninati ci sono i deputati Antonio Catalfamo (Ars), Nino Germanà (Camera), Dino Bramanti (consigliere comunale) Daniela Bruno e numerosi ex amministratori di Messina.

La riunione dovrebbe essere domani e sarebbe la prima a tenersi a Messina, là dove a fine maggio ci saranno le elezioni (e non è un dettaglio) e la prima a vedere faccia a faccia tra i responsabili dei partiti alleati a prescindere dai tempi dei vertici romani tra i big Lega, Fratelli d’Italia e F.I.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv