Sindrome post-covid: studio scientifico su un paziente di Alcamo :ilSicilia.it
Trapani

la ricerca

Sindrome post-covid: studio scientifico su un paziente di Alcamo

di
12 Aprile 2021

Un’equipe multidisciplinare della provincia di Trapani ha pubblicato uno studio scientifico sulla rivista internazionale “Brain Sciences” sui danni neurologici causati dal Coronavirus.

Alla ricerca hanno partecipato Luca Scalisi, direttore della Villa Sarina di Alcamo, i radiologi del Sant’Antonio Abate di Trapani, Ignazio Bacile e Gaetano Cambula, la Casa di cura Morana di Marsala con la neurologa Paola Mangiapane e uno scienziato del Cnr, Domenico Nuzzo.

L’articolo è interamente dedicato alla storia clinica vissuta dal paziente 1 della provincia di Trapani, un cittadino di Alcamo, che, nonostante un recupero ottimale delle sue condizioni motorie, presenta ancora strascichi neurologici.
Il paziente da me visitato in epoca post Covid – afferma Mangiapane -, presentava un corteo sintomatologico caratterizzato dalla cosiddetta ‘brain fog’ ossia nebbia cognitiva con deficit di concentrazione e dell’attenzione, profondo stato depressivo e marcato quadro ansioso. L’insieme di questi esiti neurologici viene definito con un termine medico di recentissimo conio ‘Sindrome Long Covid’ caratterizzato anche da deficit di natura neurologica e psichiatrica”.

Non è del tutto chiara, secondo lo studio, l‘etiopatogenesi della sindrome: si pensa possa essere attribuita all’attività flogistica di tipo multisistemico del virus che si estende ad organi e apparati diversi da quello respiratorio coinvolgendo nella fattispecie il sistema nervoso centrale determinando lesioni neuronfiammatorie e alterazioni emocoagulative. Ne è dimostrazione il fatto che già nella fase iniziale di infezione molti pazienti lamentano un’alterazione del senso dell’olfatto, del gusto e cefalea, segnali questi che indicano uno spiccato neurotropismo del virus.

Il nostro studio – continua la dottoressa Mangiapane-, mette in evidenza come sia di fondamentale importanza la continuità assistenziale dei pazienti nella fase post-Covid attraverso indagini di neuroimaging e valutazioni neurologiche e psichiatriche al fine di riscontrare tempestivamente i danni cerebrali provocati dall’infezione e attuare un approccio terapeutico adeguato non soltanto motorio ma anche neuropsicologico”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti