Siracusa, magistrato positivo al Covid-19, chiude il Palazzo di Giustizia | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

Avviata la sanificazione

Siracusa, magistrato positivo al Covid-19, chiude il Palazzo di Giustizia

di
1 Aprile 2020

Positivo al tampone Covid-19 un sostituto procuratore della procura di Siracusa. A seguito del risultato del tampone, il presidente facente funzioni del tribunale Antonio Alì ha disposto per oggi, 1 aprile, la chiusura del Palazzo di Giustizia per la sanificazione.

A confermarlo il segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, e il segretario della Fp Cisl territoriale, Daniele Passanisi, che chiedono ora “tamponi a tutti i dipendenti del Palazzo di Giustizia e chiusura dei locali fino al termine della completa e totale sanificazione degli stessi.

Tempestiva – aggiungono – la decisione del presidente del tribunale di chiudere l’intero palazzo di giustizia per oggi. Riteniamo che la sola sanificazione non possa essere sufficiente a riportare la serenità tra tutti i dipendenti, non soltanto tra quelli del quarto e del quinto piano. Il magistrato in questione è stato regolarmente al lavoro, anche in udienza, fino a venerdì scorso. Appare necessario, a tutela di tutti gli operatori della giustizia, avviare la procedura urgente per effettuare il tampone ad ognuno di loro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin