Siracusa, Reale sulla Camera di Commercio: "Necessario rinnovo delle cariche" :ilSicilia.it

Siracusa, Reale sulla Camera di Commercio: “Necessario rinnovo delle cariche”

di
9 Ottobre 2019

L’ex candidato sindaco di Siracusa, Ezechia Paolo Reale, interviene a gamba tesa sull’assetto della camera di commercio e dell’autorità portuale del capoluogo aretuseo, chiedendo un passo indietro in un suo post su Facebook: “Non ho mai conosciuto Montante e non anticipo certo giudizi sulla conclusione del suo processo. Ma a parte le responsabilità penali, mi pare che dalla sentenza emerga un quadro allarmante sui meccanismi che hanno guidato negli ultimi anni decisioni importanti per la vita di intere comunitàL’area di influenza diretta è nota: Confindustria e Camere di Commercio“.

Ezechia Paolo Reale
Ezechia Paolo Reale

Guardo alla mia terra, che conosco. Accorpamento della Camera di Commercio di Siracusa a quella di Catania e conseguente potere economico e decisionale sull’aeroporto di Catania; Port Authority scippata ad Augusta in favore di Catania sulla base di una relazione del precedente governo regionale, in splendida sinergia con il ministro Del Rio del PD, che ha fatto rotolare dalle risate, per sciocchezze che conteneva, qualunque siciliano del sud-est“.

Ora il presidente della Camera di Commercio di Catania- Siracusa- Ragusa sembra non fosse eleggibile perché massone e il titolare della Port Authority di Catania-Augusta è stato sospeso dalla magistratura per gravi illeciti che si assume abbia commesso. Forse è arrivato il momento che il nuovo governo regionale riprenda in mano questi dossier e corregga errori ed orrori di scelte del passato così opache“, sottolinea duramente l’avvocato siracusano.

A questo serve in democrazia il principio dell’alternanza: non a cambiare le persone che siedono nella poltrona, ma a consentire la continua verifica dell’operato degli amministratori pubblici e la rimozione degli effetti negativi delle loro azioni così come la prosecuzione di ciò che vi è stato di positivo ed utile“.

Il nuovo governo regionale è un governo coraggioso ed attento. Sono contento di averlo votato e di aver invitato a votarlo. Mi piacerebbe se riuscisse ad andare oltre la già difficile ordinaria amministrazione aggredendo i frutti avvelenati del passato“, chiosa Reale nel suo post.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin