Siracusano al Covid Hotel di Trappitello per i baraccati di Messina: "La battaglia va avanti" :ilSicilia.it
Messina

l'impegno della parlamentare di FI

Siracusano al Covid Hotel di Trappitello per i baraccati di Messina: “La battaglia va avanti”

di
5 Gennaio 2021

L’onorevole Matilde Siracusano si è recata oggi pomeriggio al Covid Hotel di Taormina, sito nella frazione di Trappitello.

Si tratta della struttura attivata lo scorso novembre dalla Regione Siciliana, per il tramite di Asp Messina, in convenzione con l’Hotel Inn di Taormina, nell’ambito del piano regionale che ha inteso prevedere almeno una residenza in ogni provincia da dedicare ai pazienti non gravi.

Al Covid Hotel si trovano in questo momento 16 persone positive provenienti dalle baracche di Messina. Si tratta, dunque, di persone che stanno vivendo un dramma nel dramma.

La parlamentare di FI ha avuto modo di incontrare il gestore dell’albergo, Ciro Balzano, e ha poi parlato a distanza, dall’esterno della struttura, con alcune delle persone positive che si trovano nel centro. Per motivi di sicurezza non è possibile, infatti, accedere ai locali dove si trovano le persone contagiate, che hanno così esternato il loro stato d’animo, la propria sofferenza, affacciandosi ad una finestra per comunicare con la deputata messinese.

“Noi vogliamo guarire ma soprattutto vogliamo una casa dignitosa. Siamo molto provati, soprattutto psicologicamente. Ci mancano i nostri affetti, soffriamo il dover fare questa quarantena lontani dalle persone che amiamo”, ha detto una donna rivolgendosi all’on. Siracusano, che ha inteso rassicurare i cittadini che si trovano al momento a Trappitello sulla volontà di portare avanti la battaglia sulle baracche.

L’on. Siracusano ha esortato le persone al momento trasferite al Covid Hotel di Trappitello a non mollare. “Lo Stato non può continuare a negare una casa e una vita dignitosa a questi cittadini – ha detto l’on. Siracusano -, che adesso stanno lottando contro questa ulteriore emergenza sanitaria. E’ pazzesco, è sconcertante ma soprattutto inaccettabile che il governo ancora adesso non abbia voluto approvare una legge speciale. La lunga strada verso il risanamento deve compiersi e non può più essere ostacolata o rimandata, la mia battaglia e quella del nostro gruppo parlamentare va avanti e non si fermerà”.

“Non ci sono più scuse né giustificazioni. Rinnoviamo l’appello al buon senso, affinché le Istituzioni si facciano finalmente carico di affrontare al più presto questa emergenza che va avanti da un tempo infinito e sulla quale è arrivato il momento di assumersi le responsabilità di aiutare tutte queste persone, garantendo loro il diritto a una vita normale e la dignità che sinora gli è stata negata”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin