16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.38

Illustrata la relazione finale

Sistema Montante, la relazione dell’Antimafia regionale: “Un governo parallelo”

19 Marzo 2019

Per molti anni è esistito un governo parallelo che ha occupato ‘militarmente’ le istituzioni regionali e che ha spostato i luoghi di determinazione e controllo delle scelte di spesa fuori e altrove“. Queste le parole del presidente della Commissione regionale antimafia, Claudio Fava, che ha illustrato a Palazzo dei Normanni, a Palermo, i risultati dell’indagine conoscitiva dell’organo dell’Ars relativa al cosiddetto “sistema Montante“.  Secondo Fava, molto spesso è stata utilizzata “la lotta contro la mafia per proprio salvacondotto – ha affermato – un’antimafia dei padroni e degli affari“.

SCARICA QUI IL DOSSIER COMPLETO (PDF)

Fava
Claudio Fava

Fava ha illustrato il lavoro della Commissione, durato dieci mesi, sono state svolte 49 audizioni. E ha parlato anche dell’ex governatore Rosario Crocetta: “Il ruolo dell’allora presidente della Regione Rosario Crocetta nel sistema Montante? La sensazione è che fosse più un esecutore di progetti che andavano oltre il suo governo. Serviva a controllare tutto ciò che poteva essere controllato sotto il profilo politico e amministrativo“.

Dopo l’iscrizione nel registro degli indagati per il reato di concorso in associazione mafiosa, Calogero Montante ha continuato a incontrare il capo della polizia, i prefetti e l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano – ha riportato ancora Fava – senza che nessuno abbia almeno atteso almeno la conclusione della vicenda giudiziaria. E questo è preoccupante. Anzi gli si è anche aumentata la scorta. Come giustificazione della decisione – ha spiegato Fava – hanno addotto l’autonomia dei vari rami dell’amministrazione. Alfano – ha continuato – lo ha anche nominato nel consiglio direttivo dell’Agenzia dei Beni confiscati alla mafia. La notizia dell’inchiesta già circolava nonostante ancora non fosse stata pubblicata dai giornali: come e’ che il Viminale non sapeva nulla?“.

miccicheSulla relazione dell’Antimafia regionale è intervenuto il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, che ha voluto dare il proprio saluto ai componenti della commissione, riunita per votare la relazione finale: “Il voto all’unanimità della Commissione regionale Antimafia su un argomento così delicato rafforza il Parlamento siciliano e dimostra ancora una volta che tutti i partiti sono a favore della legalità. Se, poi, all’interno dei partiti c’è qualcuno che pensa il contrario, sbaglia”, ha detto Gianfranco Micciché.

I partiti politici sono una cosa seria e non quelle organizzazioni che qualcuno ha voluto dipingere in maniera diversa da quello che sono – ha sottolineato – Il voto di oggi mi rende particolarmente contento”.

 

LEGGI ANCHE:

Montante lascia il carcere e va ai domiciliari, il giudice: “È depresso”

Crocetta ospite a “Bar Sicilia”: “Non sono stato mai sentito dai pm sul caso Montante” | Video

A “Bar Sicilia” ospite il presidente dell’Antimafia Claudio Fava: “Sul sistema Montante indagheremo a fondo” | VIDEO

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.