Sistema Montante, la relazione dell'Antimafia regionale: "Un governo parallelo" :ilSicilia.it
Banner Bibo

Illustrata la relazione finale

Sistema Montante, la relazione dell’Antimafia regionale: “Un governo parallelo”

di
19 Marzo 2019

Per molti anni è esistito un governo parallelo che ha occupato ‘militarmente’ le istituzioni regionali e che ha spostato i luoghi di determinazione e controllo delle scelte di spesa fuori e altrove“. Queste le parole del presidente della Commissione regionale antimafia, Claudio Fava, che ha illustrato a Palazzo dei Normanni, a Palermo, i risultati dell’indagine conoscitiva dell’organo dell’Ars relativa al cosiddetto “sistema Montante“.  Secondo Fava, molto spesso è stata utilizzata “la lotta contro la mafia per proprio salvacondotto – ha affermato – un’antimafia dei padroni e degli affari“.

SCARICA QUI IL DOSSIER COMPLETO (PDF)

Fava
Claudio Fava

Fava ha illustrato il lavoro della Commissione, durato dieci mesi, sono state svolte 49 audizioni. E ha parlato anche dell’ex governatore Rosario Crocetta: “Il ruolo dell’allora presidente della Regione Rosario Crocetta nel sistema Montante? La sensazione è che fosse più un esecutore di progetti che andavano oltre il suo governo. Serviva a controllare tutto ciò che poteva essere controllato sotto il profilo politico e amministrativo“.

Dopo l’iscrizione nel registro degli indagati per il reato di concorso in associazione mafiosa, Calogero Montante ha continuato a incontrare il capo della polizia, i prefetti e l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano – ha riportato ancora Fava – senza che nessuno abbia almeno atteso almeno la conclusione della vicenda giudiziaria. E questo è preoccupante. Anzi gli si è anche aumentata la scorta. Come giustificazione della decisione – ha spiegato Fava – hanno addotto l’autonomia dei vari rami dell’amministrazione. Alfano – ha continuato – lo ha anche nominato nel consiglio direttivo dell’Agenzia dei Beni confiscati alla mafia. La notizia dell’inchiesta già circolava nonostante ancora non fosse stata pubblicata dai giornali: come e’ che il Viminale non sapeva nulla?“.

miccicheSulla relazione dell’Antimafia regionale è intervenuto il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, che ha voluto dare il proprio saluto ai componenti della commissione, riunita per votare la relazione finale: “Il voto all’unanimità della Commissione regionale Antimafia su un argomento così delicato rafforza il Parlamento siciliano e dimostra ancora una volta che tutti i partiti sono a favore della legalità. Se, poi, all’interno dei partiti c’è qualcuno che pensa il contrario, sbaglia”, ha detto Gianfranco Micciché.

I partiti politici sono una cosa seria e non quelle organizzazioni che qualcuno ha voluto dipingere in maniera diversa da quello che sono – ha sottolineato – Il voto di oggi mi rende particolarmente contento”.

 

LEGGI ANCHE:

Montante lascia il carcere e va ai domiciliari, il giudice: “È depresso”

Crocetta ospite a “Bar Sicilia”: “Non sono stato mai sentito dai pm sul caso Montante” | Video

A “Bar Sicilia” ospite il presidente dell’Antimafia Claudio Fava: “Sul sistema Montante indagheremo a fondo” | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin