Sistema Montante, Regione Siciliana parte civile: risarcimento di 70 mila euro :ilSicilia.it

Lo ha disposto il Gup Graziella Luparello

Sistema Montante, Regione Siciliana parte civile: risarcimento di 70 mila euro

11 Maggio 2019

C’è anche l’amministrazione della Polizia dello Stato tra i destinatari di una “riparazione pecuniaria” nel dispositivo della sentenza del processo sul cosiddetto ‘sistema Montante‘ celebrato col rito abbreviato a Caltanissetta.

Lo ha disposto il Gup Graziella Luparello condannando il sostituto commissario capo Marco De Angelis a quattro anni di reclusione, (contro i 6 anni e 11 mesi chiesti dalla Procura) riconoscendogli le circostanze attenuanti generiche, e a pagare un risarcimento al Viminale di 10mila euro.

Il Gup Luparello, inoltre, ha disposto in favore della Regione Siciliana, che era parte civile, un risarcimento di 70 mila euro (e non di 5mila come erroneamente scritto).

Il procedimento è nato dalle indagini su Antonello Montante, l’ex presidente di Sicindustria condannato a 14 anni di reclusione per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Secondo l’accusa sarebbe stato al centro del cosiddetto “sistema Montante” una rete spionistica utilizzata per salvaguardare se stesso e colpire gli avversari. La Procura aveva chiesto la condanna a 10 anni e 6 mesi di reclusione.

Nel dispositivo il Gup Luparello ha disposto anche “la trasmissione degli atti” alla Procura di Caltanissetta per “le valutazioni di competenza nei confronti di Lucia Basso, Pietro Cuzzola, Valerio Blengini e Mario Parente“, senza indicare le motivazioni.

Il giudice ha sospeso i termini di custodia cautelare durante il tempo necessario per la stesura delle motivazioni della sentenza, indicando il termine di 90 giorni per il suo deposito.

 

LEGGI ANCHE:

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.