Sistema Saguto, al via a Caltanissetta la requisitoria: "Non è un processo all'antimafia" :ilSicilia.it
Caltanissetta

l dichiarazione del pg

Sistema Saguto, al via a Caltanissetta la requisitoria: “Non è un processo all’antimafia”

di
27 Gennaio 2022

“Al di là di qualsiasi suggestione massmediatica questo processo ha un’origine complessa favorita dal complesso e completo coordinamento tra la Procura della Repubblica di Palermo e quella di Caltanissetta“. Lo ha detto il procuratore generale Lia Sava nel corso della requisitoria del processo d’appello che si celebra a Caltanissetta a Silvana Saguto, l’ex giudice presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, condannata in primo grado a otto anni e mezzo di reclusione per la gestione dei beni sequestrati, insieme con il suo ‘cerchio magico’.

L’accusa è rappresentata in aula dalla procuratrice generale, Lia Sava, dai sostituti Lucia Brescia e Antonino Patti e dalla pm Claudia Pasciuti, applicata al processo. Caduto il reato di associazione per delinquere, Saguto è accusata, tra gli altri capi di imputazione, di corruzione e abuso d’ufficio.

Il pm Lia Sava

“Mi sembra importante ricordare – ha detto Lia Sava – la genesi di questo processo. Le indagini non sono scaturite da alcun input giornalistico, ma hanno una genesi di tutt’altra e più consistente matrice rispetto al solletico massmediatico. Nel 2014 la Dda di Caltanissetta aveva avviato un’indagine su una nota concessionaria di Gela di autovetture. E’ la procura di Palermo che avvia delle intercettazioni per una sospetta attività estorsiva e noi doverosamente avviamo quelle indagini. Più nel dettaglio le indagini di questo procedimento sono state avviate in data 20 aprile 2015. Quindi prima della trasmissione delle Iene la Procura di Caltanissetta aveva già avviato delle indagini su input della Procura di Palermo“.

“Questo è stato un processo doloroso non solo per le parti civili ma anche per chi ha svolto delle indagini. Un coltello senza manico, questo è stato per la Procura questo processo: ci siamo feriti anche noi. Dolore lancinante. E vi assicuro che non è un processo all’antimafia, né una singolar tenzone tra le varie anime dell’antimafia. E’ un processo – ha continuato Lia Sava – che ha cercato di fotografare condotte di reato commesse in un determinato arco temporale da soggetti che rivestivano diversi incarichi. Nulla a che vedere con un processo all’antimafia”.

“Abbiamo fotografato un momento storico di quella fase esistenziale dei protagonisti. Lo scrupolo nella redazione dei capi di imputazione – ha continuato Lia Sava – è la prova che questo non è un processo sull’etica ma su fatti giuridicamente rilevanti dei quali abbiamo cercato di fare una scrupolosissima selezione. Non abbiamo titolo per dare giudizi morali, se avessimo voluto parlare di etica avremmo selezionato capi di imputazione generici. Vi assicuro che abbiamo maneggiato con cura il materiale probatorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.