Sit-in dei precari dell'università di Palermo: i sindacati chiedono la regolarizzazione dei contratti :ilSicilia.it
Palermo

Oggi pomeriggio davanti a palazzo Steri

Sit-in dei precari dell’università di Palermo: i sindacati chiedono la regolarizzazione dei contratti

di
6 Giugno 2018

PALERMO – Hanno protestato questo pomeriggio, davanti a palazzo Steri, i collaboratori precari dell’università di Palermo. Il  sit-in si è svolto  in concomitanza con la riunione del consiglio d’amministrazione dell’Ateneo palermitano.

Da una decina d’anni i collaboratori dell’università di Palermo, 48  giovani laureati tra i 30 e i 45 anni, sono impiegati in ruoli amministrativi e prestano servizio presso lo sportello orientamento del Cot, nei dipartimenti e nelle scuole con contratti annuali o pluriennali.  Ad alcuni di loro i contratti sono scaduti.

I sindacati Nidil, Flc e Cgil Palermo sono stati ricevuti dal rettore Fabrizio Micari e dal direttore generale Antonio  Romeo per chiedere l’assunzione dei collaboratori precari attraverso l’applicazione della circolare Madia 3 del 23 novembre 2017 (ex art.20 decreto legislativo 75 2017), per il superamento del precariato nella pubbliche amministrazioni. La circolare dà indicazioni alle amministrazioni di partire con le assunzioni dal gennaio 2018, per il biennio 2018-2020.

Un incontro interlocutorio, nel quale è stata registrata comunque la disponibilità del rettore allo studio di un percorso anche dal punto di vista della normativa.

Ci sarà un prossimo incontro tecnico, prima della prossima riunione del cda che sarà chiamato a occuparsi della vicenda,  nel quale affronteremo insieme al rettore e al direttore generale tutti gli aspetti legati alla circolare  Madia e al prossimo piano di  assunzioni dell’Ateneo – dichiarano i segretari generali di Nidil, Flc Cgil e Cgil Palermo Andrea Gattuso, Franca Giannola e Enzo CampoIl percorso è partito e sarà lungo ma abbiamo chiesto che ci sia da parte dell’Ateneo l’impegno a individuare una strada che porti all’assorbimento di tutto il personale in questione: alcuni lavorano negli uffici universitari da 16 anni.  Un lavoro che non può essere ignorato. Abbiamo chiesto un cronoprogramma e una ricognizione del personale precario, con le figure professionali ricoperte,  per predisporre un elenco nominativo  degli aventi diritto. Presto, il prossimo aggiornamento”.

Secondo il sindacato, questo  contingente impiegato negli anni per esigenze organizzative dell’università di Palermo rientrerebbe nel comma 2 della circolare Madia, che riguarda i co.co.co., l’università di Palermo non ha attivato ancora nessun percorso di stabilizzazione per loro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin