Sit-in per il parco Villa Turrisi, il WWF chiede l'apertura dell'area verde | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'area è un polmone verde di 25 ettari

Sit-in per il parco Villa Turrisi, il WWF chiede l’apertura dell’area verde

di
11 Maggio 2017

Una manifestazione per l’apertura al pubblico di un primo nucleo dell’ex Villa Turrisi. Sabato 13 maggio, alle 10, in via Leonardo Da Vinci, nel tratto compreso tra via Politi e via Ruggeri, cittadini e associazioni si incontreranno per chiedere ancora una volta all’amministrazione di Palermo, la libera fruizione delle aree verdi comunali presenti all’interno del perimetro dell’ex Villa Turrisi. La previsione è quella di trasformare l’area, un polmone verde di 25 ettari ad ovest della città, in un vero e proprio parco urbano.

Il Wwf Sicilia Nord Occidentale aderisce e collabora all’organizzazione della manifestazione, indetta dall’associazione Parco Villa Turrisi, insieme a diverse associazioni, per sensibilizzare il Comune alla valorizzazione del bene, ed in particolare per chiedere la riconversione dell’ex tracciato ferroviario Palermo-Camporeale in un parco lineare “greenway, che colleghi Palermo a Monreale, valorizzando ulteriormente l’itinerario arabo-normanno.

 

“Dal 2006 il Wwf è sempre stato in prima linea per tutelare l’area verde della ex Villa Turrisi – ha sottolineato Pietro Ciulla, presidente del Wwf Sicilia Nord Occidentale – ed ha sempre pienamente appoggiato le richieste dei cittadini della zona che si sono costituiti in associazione per cercare di risolvere questo problema. Per la vastità dell’area interessata, per l’importanza che essa assume e per il fatto che costituirebbe un tassello fondamentale di un ‘corridoio ecologico’ più vasto, il problema di Villa Turrisi assume una valenza cittadina. Saremo quindi ancora una volta presenti alla manifestazione di sabato per chiedere di sbloccare l’iter di questa vicenda”.

Parteciperanno al sit-in, l’associazione Parco Villa Turrisi, il comitato di AddioPizzo, Libera Palermo, Salvare Palermo, il comitato Bonafede-Russia, Italia Nostra, Parco della Salute, e Fiab. “Il 13 maggio a Villa Turrisi – dichiara Grazia Bommarito, presidente dell’associazione Villa Turrisi –si svolge già da 20 anni una festa di quartiere nata per celebrare l’apertura di una piccola area verde. Vogliamo che questa giornata simbolica coincida con l’apertura di una prima piccola porzione del futuro Parco Villa Turrisi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.