18 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.04
caronte manchette
caronte manchette

la recensione

Siti d’incontri e sexy-chat: ecco il film “Newness” di Neflix

22 febbraio 2018

Newness” (2017), di Drake Doremus

 

Chi sono i “Millennial” di cui si parla brillantemente in questo interessante film scritto da Ben York Jones e diretto da Drake Doremus?

Forse è questa la prima domanda alla quale dovremmo rispondere per scrivere di questo racconto cinematografico neorealista, dei nostri giorni, del ventunesimo secolo. La letteratura anglosassone d’oltreoceano, ma adesso anche quella europea ed italiana, definisce i Millennial come «persone nate tra il 1985 e il 2005… ovvero, la generazione di giovani occidentali nati tra la metà degli anni Ottanta e i primi anni del Duemila… vengono definiti soggetti pigri, coccolati, narcisisti e superficiali… e secondo alcuni studiosi americani, saranno “quelli che ci salveranno” perché, malgrado le apparenze comportamentali narcisistiche ed egocentriche, il sessanta per cento di loro ha come priorità quella di crearsi una buona famiglia.»

Credo che la definizione scientifica, ovvero letteraria, che abbiamo appena riportato, potrebbe essere un ottimo incipit per raccontare e scrivere di questo film che si potrà vedere solo sul sempre più potente portale Netflix.

La bulimia delle relazioni tra pari, consumate voracemente attraverso l’aggancio da siti web di incontri e sexy-chat, che hanno quale fine prioritario la novità (“Newness“) del rapporto sessuale, soddisfatto il quale si passa ad una dimensione di solitudine insopportabile che riporta, di lì a poco, il Millennial ad una irrequieta astinenza che li trascina inconsapevoli alla ricerca di un nuovo rapporto, sembra riprodurre pedissequamente lo stile di vita della società occidentale globalizzata del 21° secolo e del consumatore seriale “usa-e-getta” mosso da una sorta di forza direttrice che lo avviluppa verso un’obsolescenza programmata nevrotico ossessiva delle relazioni sociali e amicali.

newnessIl film riproduce in modo molto incisivo e convincente le dinamiche relazionali tra pari dei giorni nostri, di giovani adulti e adolescenti di una Los Angeles del 2017, inquinate da attempati e ricchi adulti che cercano di sfruttare narcisisticamente ed egocentricamente l’apparente mancanza di punti certi di riferimento, sia morali che etici, dei giovani protagonisti di questa storia.

Laddove tutto sembra perduto, tutto vissuto con una conturbante superficialità e leggerezza che si rivela al contempo dolorosa e sofferta, l’istinto atavico dell’uomo Millennial si orienta improvviso nella direzione della cultura tradizionale che abbisogna, per raggiungere un equilibrio stabile e una vita soddisfacente, di punti di riferimento solidi e chiari che rinuncino consapevoli a tutte le possibili scelte del mondo virtual, per concentrarsi verso un libero arbitrio tipico delle tradizioni sociali occidentali che concepiscono il rapporto di coppia monogamico l’unico in grado di garantire solidità e sicurezza ad una vita famigliare fruttuosa, seppur nella consapevole conseguenza dei rischi della quotidianità e della monotonia della relazione amorosa di lunga durata.

Uno dei messaggi subliminali del film di Ben York Jones e Drake Doremus, potrebbe forse essere quello che è arrivato il momento di abbandonare il consumato detto “vivi la tua giornata come se fosse l’ultima”, che ha inquinato la vita e le scelte relazionali e sociali di tantissimi nati della seconda metà del ‘900 occidentale. La narrazione di “Newness” dimostra inequivocabile che questa matrice comportamentale genera solitudine e angoscia insopportabili.

sexIl film è certamente da vedere in modo transgenerazionale, per i giovani Millennial e per i nati nel ‘900 perché, senza alcun dubbio, apre uno spiraglio voyeuristico su una realtà dei nostri giorni apparentemente del sottosuolo, e perché, al contempo, innesca riflessioni interessanti che forse ci faranno comprendere qual è la direzione che ha intrapreso la nostra cultura “globalizzata” dai social e dalle nuove forme di relazione virtual.

Gabi (Laia Costa) e Martin (Nicholas Hoult) sono due Millennial che vivono e lavorano a Los Angeles nell’anno del Signore 2017. Una notte, dopo aver fissato un appuntamento attraverso una chat, si incontrano in un locale e si conoscono. La loro relazione dovrebbe essere targata “usa-e-getta”, ma si trasforma in una “live-in relationship”, una relazione abituale, stabile. Per tenere vivace e intrigante il loro rapporto, devono inventarsi delle “Newness”, delle novità, che però li porteranno in terreni tortuosi e, infine, a scelte apparentemente imprevedibili.

 


Scheda:

Titolo originale: “Newness”

Regia di Drake Doremus

Produzione Scott Free Production

Produzione Drake Doremus, John Finemore, Robert George, Elizabeth Grave, James Hoppe, Ben York Jones, Shea Kammer, Mason Novick, Michael A. Pruss, Michael Schaefer

Distribuzione Netflix

Sceneggiatura Ben York Jones

Musiche di Keegan DeWitt, Gwilym Gold

Con Nicholas Hoult, Courtney Eaton, Laia Costa, Danny Huston, Matthew Gray Gubler. continua» Luke Baybak, Rene Cadet, Jessica Henwick

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Emotivamente il colore non è uguale per tutti

Di fronte allo stesso colore, una persona lo troverà gradevole, un’altra potrà trovarlo sgradevole. L’attrazione o la repulsione che ognuno di noi mostra soggettivamente di fronte ai colori è una reazione fisiologica che avviene sulla base del proprio stato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.