Siti Unesco, a Palermo il convegno per la valorizzazione del patrimonio siciliano :ilSicilia.it
Palermo

L'incontro si svolgerà a Villa Zito

Siti Unesco, a Palermo il convegno per la valorizzazione del patrimonio siciliano

di
17 Gennaio 2018

Dei 1.073 siti presenti sulla lista dell’Unesco l’Italia è il paese che ne conta, in totale, il maggior numero, pari a 53. Di questi, 7 sono in Sicilia, ovvero più del 13% dei siti nazionali. Nell’ottica di un’ulteriore promozione e valorizzazione di questi ultimi, per la prima volta, i responsabili dei siti Unesco siciliani si siederanno ad un tavolo con le Istituzioni siciliane e con chi si occupa di valorizzazione.

Lo spunto l’hanno offerto la Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia, il Comitato di Pilotaggio del sito Unesco arabo-normanno e la Fondazione per l’Arte e la Cultura “Lauro Chiazzese” organizzando il convegno “Patrimoni culturali e naturali. Siti Unesco: buone pratiche e governance”.

L’incontro si svolgerà venerdì 19 gennaio, dalle 9 alle 14, a Villa Zito, sede della Fondazione Sicilia.

Nel patrimonio siciliano, immenso e assolutamente unico per tipologia e caratteristiche, si trovano siti archeologici come la Valle dei Templi di Agrigento, il più “anziano”, nato nel 1997, o la Villa del Casale di Piazza Armerina; e ancora luoghi naturali come l’Etna o le isole Eolie, gli itinerari come quello della Val di Noto, il cuore antico di Siracusa o il percorso arabo-normanno di Palermo, Cefalù e Monreale, ultimo aggiunto alla lista.

Beni che raccontano un’isola dalle mille sfaccettature, passata sotto più dominazioni, che ha visto alternarsi re normanni e viceré spagnoli, che ieri parlava arabo e oggi difende chi arriva sulle sue coste.

Il convegno si aprirà con gli interventi del sindaco Leoluca Orlando, nella sua qualità di presidente del Comitato di pilotaggio del sito Unesco Arabo-normanno; del presidente della Regione, Nello Musumeci, e dell’assessore ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Vittorio Sgarbi; di Gianni Puglisi, presidente onorario CNIU (Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco) e presidente della Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia.

Coordinerà i lavori, Enrico Vicenti, segretario generale della Commissione Nazionale Italiana Unesco, che avranno, tra gli altri, l’obiettivo di approvare una dichiarazione programmatica comune per la valorizzazione di tutti i siti Unesco siciliani.

Interverranno, inoltre, Aurelio Angelini, Antonio Purpura, Sebastiano Tusa; Giuseppe Parello per la Valle dei Templi, Marisa Mazzaglia per il Parco Etna, Fabio Granata per il Distretto turistico Sudest (Val di Noto e Siracusa), Maria Amalia Mastelloni per le Isole Eolie.

E ancora Caterina Greco (CRicd Regione Sicilia); Laura Anello, presidente de “Le Vie dei Tesori”; l’assessore alla Cultura del Comune di Palermo, Andrea Cusumano; Maria Andaloro (Università della Tuscia); Maria Pia Blandano (Liceo Musicale Regina Margherita); Francesco Cancellieri (Osservatorio regionale qualità del paesaggio); Letizia Casuccio (direttore COOPCulture); Natale Giordano (ICCN | Inter-City Cultural Network per la salvaguardia del patrimonio immateriale; Vera Greco (Parco archeologico Naxos); Paolo Patanè (CUNES | Coordinamento dei Comuni Unesco Sicilia); Francesca Spatafora, a capo del polo archeologico regionale di Palermo e Marcello Troia, coordinatore scientifico – Rocca di Cerere Unesco Global Geopark.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro