Slitta ancora il passaggio in Aula della Finanziaria, eletto componente della Corte dei Conti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Ignazio Tozzo nuovo membro della sezione di controllo

Slitta ancora il passaggio in Aula della Finanziaria, eletto componente della Corte dei Conti

di
18 Aprile 2017

Slitta ancora il passaggio in Aula della manovra finanziaria. Dopo una breve riunione tra l’assessore all’Economia Alessandro Baccei, il governatore Rosario Crocetta e il presidente dell’Ars Ardizzone, si è deciso di deviare ancora la rotta e non entrare nel vivo dell’esame dei testi contabili.

L’Ars ha dedicato la seduta pomeridiana all’elezione di un componente della sezione di controllo della corte dei Conti e al voto del bilancio interno del parlamento regionale. Con 46 voti a favore su 72 votanti, il parlamento regionale ha eletto Ignazio Tozzo nuovo componente della sezione di controllo della Corte dei Conti per la Sicilia. Sono state due le schede bianche, nessuna scheda è stata annullata.

Nell’attesa di entrare nel vivo, dietro le quinte si cerca di trovare un’intesa sulla manovra e superare i non pochi attriti tra Crocetta e la presidenza dell’Ars: mentre Ardizzone aveva categoricamente rinviato l’esame del collegato dopo l’approvazione dei testi contabili, dopo dunque il 30 aprile, Crocetta ha rilanciato il dado chiedendo oggi, nel corso del vertice “di trovare un’intesa sul collegato. Occorre incardinare il testo e la data esatta in cui verrà discusso – ha detto – ma prima bisogna stralciare dal collegato quattro norme importanti da proporre all’interno della finanziaria “.

“Si tratta – secondo il governatore – di norme che non possono aspettare di essere discusse dopo il voto dei documenti contabili: misure di particolare urgenza che riguardano la conversione del Cas da consorzio in società per azioni (n.d.r. operazione indispensabile per favorire la fusione con Anas), quella sulla programmazione dei fondi europei per la progettazione, alcune norme sindacali e l’ipotesi di trasformare in dipartimento la centrale unica di committenza”.

Quella che va riscritta subito, è per Crocetta, la norma sui disabili. “Va riscritta per intero, così non può essere discussa. Facciamo un unico testo su tutto – così spiega il probelma ai giornalisti affermando di non aver ancora contezza esatta dei fondi disponibili – serve un terreno reale di confronto, cercare di capire almeno a quanto ammonta il fondo realmente a disposizione ed evitare gli errori del passato. Le famiglie  – ha osservato – non possono anticipare le spese. Trovo sbagliato che tutta la questione dei disabili gravissimi e gravi passi attraverso gli enti locali. la disabilità in genere piò essere gestita dagli enti locali, ma quella grave e gravissima va affidata alle Asp, i comuni hanno tempi troppo lunghi”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.