25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

Ben 9 interventi del Soccorso alpino

Slittini “pirata”: boom di incidenti sulla neve a Piano Battaglia | FOTO

17 Febbraio 2019
'
'
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Slittini “pirata” e scontri sui pendii ghiacciati. Sono stati 9 gli incidenti sulla neve che si sono verificati nel fine settimana a Piano Battaglia, molti dei quali hanno avuto come vittime giovanissimi gitanti.

Ad intervenire sono stati i tecnici del Soccorso alpino e speleologico siciliano in virtù della convenzione con la Protezione civile della Città metropolitana di Palermo per garantire l’assistenza e il soccorso nel comprensorio durante il periodo di innevamento.

Le squadre medicalizzate della Stazione Palermo-Madonie lavorano in stretta collaborazione con la Protezione civile, che mette a disposizione il personale e i mezzi per spostarsi sulla neve, il 118, la guardia medica dell’Asp, che è stata dotata anche di un telefono satellitare per le comunicazioni di emergenza anche in caso di black out, i carabinieri e il Corpo forestale.

Oggi il maggior numero di incidenti. Sospetto trauma cranico per una diciassettenne di Mazzarino (Caltanissetta) travolta da uno slittino. Un bambino palermitano di 7 anni si è procurato una contusione alla gamba destra dopo essersi scontrato con un ragazzo mentre entrambi scivolavano su un pendio ghiacciato. Una undicenne ennese, invece, si è procurata un trauma facciale sbattendo contro un albero mentre scivolava con lo slittino.

Un ventiseienne di San Cataldo (Caltanissetta) è rimasto contuso al volto e al braccio sbattendo dopo aver perso il controllo dello slittino a causa di una buca sulla neve. Stesse cause per il trauma alla colonna vertebrale riportato da una trentaseienne di Gela.

Un trapanese di 53 anni si è fratturato il polso sinistro cadendo sul pianoro.

Tre gli interventi di ieri. Una bambina di 7 anni, di Montelepre (Palermo), ha riportato un trauma cranico dopo essere stata travolta da uno slittino. Un bambino palermitano di 5 anni ha riportato lo stesso trauma sbattendo contro un albero mentre scivolava col suo slittino. Un uomo di 49 di Marsala, invece, si è procurato una distorsione al polso sinistro cadendo con lo snowboard.

Domenica scorsa gli interventi a Piano Battaglia sono stati dieci, altri otto nei due week end precedenti. Nella passata stagione il Sass aveva effettuato 20 interventi.

 

Per ogni necessità gli utenti possono chiamare il numero di reperibilità 3349510149 o rivolgersi alla centrale del 118 chiedendo esplicitamente l’intervento del Soccorso alpino.
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.