Smart working della pubblica amministrazione, Ance Palermo scrive al sindaco Orlando :ilSicilia.it
Palermo

"Rischio paralisi per professionisti ed imprese"

Smart working della pubblica amministrazione, Ance Palermo scrive al sindaco Orlando

di
18 Novembre 2020

L’Ance Palermo, per bocca del suo presidente Massimiliano Miconi, ha scritto al sindaco Leoluca Orlando relativamente allo smart working nella pubblica amministrazione.

LA LETTERA

Riceviamo e pubblichiamo

Caro Sindaco,

dando seguito a quanto Ti ho già sintezzato e rappresentato, in occasione del c.d. tavolo di crisi e di ripresa a cui mi hai invitato, lo smart working nella Pubblica Amministrazione sta creando seri problemi in tutta Italia, soprattutto in quelle amministrazioni nelle quali il livello di digitalizzazione delle pratiche è ancora arretrato e insufficiente. Ci duole dover constatare che tutto ciò riguarda anche molti settori del Comune di Palermo, in particolare quelli del c.d. Polo Tecnico, con il rischio concreto di paralizzare il lavoro di centinaia di professionisti e imprese. Nelle scorse settimane abbiamo raccolto istanze e lamentele delle nostre imprese associate e dei professionisti che lavorano per conto delle imprese che segnalano il fatto che i centralini telefonici degli uffici, i cui numeri sono indicati nel sito del Comune, che dovrebbero smistare le telefonate ai dipendenti in smart working, neanche rispondono. Oltre a ciò, in molti uffici, c’è la necessità di visionare pratiche o accedere agli atti che sono ancora solo in formato cartaceo e che rendono indispensabile una presenza fisica, anche se ridotta nel numero e con tutte le cautele necessarie.

Per far fronte alle concrete esigenze dell’utenza, sarebbe necessaria una organizzazione del lavoro che non sia affidata solo alla buona volontà del funzionario ma che garantisca e controlli che i dipendenti che hanno relazioni con il pubblico siano effettivamente raggiungibili, anche da remoto, e che preveda, quando non sia possibile risolvere in smart working i problemi, l’apertura degli uffici, distribuendo e alternando le presenze su una fascia oraria più lunga, in modo da garantire il distanziamento necessario su più turni, con una precisa azione di sanificazione degli ambienti di lavoro tra un turno e l’altro. Con molte difficoltà, noi del sistema ANCE, stiamo cercando di fare partire gli interventi legati ai superbonus 110 che sono un’opportunità straordinaria ed, oggi, unica per le imprese e per i cittadini, e sarebbe veramente grave non riuscirci perché gli uffici comunali non rispondono alle richieste.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin