Snami Messina: "Al G7 trattati come bestie". Il monito all'assessore Gucciardi :ilSicilia.it
Taormina

Il sindacato punta il dito contro l'assessore regionale alla Sanità

Snami Messina: “Al G7 trattati come bestie”. Il monito all’assessore Gucciardi

8 Giugno 2017

Non c’è feeling tra i medici del 118 e Baldo Gucciardi. Lo Snami Messina ha recapitato, infatti, un attacco frontale all’assessore alla Salute sulla “scarsa attenzione” riservata ai medici dell’emergenza.

L’assessore Gucciardi si è dimenticato chi sono gli operatori del 118, coloro che lavorano davvero sulla strada per salvare la vita delle persone. Per il recente G7 di Taormina infatti l’assessore alla Sanità si è premurato di sottolineare l’impegno dei medici degli Ospedali allertati e della Task Force regionale, che ha coordinato gli interventi sanitari. Doveroso, ma come medico del 118, alla luce degli avvenimenti, ci saremmo aspettati un grazie altrettanto esplicito nei confronti di tutti coloro che quegli interventi li hanno di fatto espletati”. Lo ha dichiarato il Dottor Antonino Grillo, Medico di Emergenza Sanitaria Territoriale del 118 siciliano e referente provinciale Snami Messina del settore Emergenza.

 

Il perfetto funzionamento del Servizio Sanitario per il G7 – spiega Grillo – è stato garantito prevalentemente grazie al sacrificio ed alla passione per il proprio lavoro che hanno mostrato i Medici del 118 di Messina, gli Infermieri della Centrale Operativa di Messina e gli Autisti/Soccorritori della Seus, che hanno prestato la loro opera ad una platea internazionale, in maniera tanto professionale ed impeccabile da riscuotere ampio riconoscimento tra le Istituzioni e da parte del Premier Gentiloni. L’assessore, invece, lascia i propri operatori privi di garanzie e protezioni persino in un evento così importante dove sono stati stanziati decine di milioni di euro per la sua realizzazione. Lascia il proprio personale medico senza rinnovo contrattuale ed economico, nonostante le reiterate richieste sindacali e legali. E non vuole confrontarsi con le organizzazioni sindacali per migliorare il servizio come richiesto da tutti gli operatori ed in primis dal buon senso. Io che ho vissuto in prima linea il recente G7 – conclude Grillo – mi sento in dovere di dire grazie al vero cuore pulsante del 118 siciliano. A tutto il personale che per 4 giorni, pur in condizioni quasi disumane, ha prestato la propria opera rendendo tutto possibile è realizzabile. Di certo non si pretendeva dagli organizzatori del G7 una suite, come è stato riferito a qualche operatore che ha mostrato le proprie rimostranze, ma era auspicabile un altrettanto impeccabile logistica, che rispettasse i requisiti minimi per permettere al proprio personale di lavorare nelle modalità consone per un settore così delicato come quello dell’Emergenza”.

 

Snami Messina lancia, dunque, un chiaro monito all’assessore Gucciardi al quale viene evidenziato che i medici dell’emergenza non possono e non devono essere considerati medici di “serie B” ed ai quali anzi va riconosciuto il merito di un impegno fondamentale nelle criticità quotidiane che vengono affrontate sul territorio, al fianco dei pazienti ai quali viene salvata la vita in tante circostanze complicate. “Ma questo Gucciardi lo sa?”, è l’amaro sfogo del 118 siciliano.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.