Social Media Policy: Francesco Pira entra nel Gruppo di lavoro nazionale :ilSicilia.it

L'INSERIMENTO

Social Media Policy: Francesco Pira entra nel Gruppo di lavoro nazionale

di
19 Novembre 2020

Il sociologo Francesco Pira, professore di comunicazione all’Università degli Studi di Messina è stato chiamato a far parte del Gruppo di lavoro sulla Social Media Policy nazionale composto da un gruppo di esperti di comunicazione che operano da anni nell’ambito della Pubblica Amministrazione.

La gestione dei social media e degli strumenti di informazione e comunicazione digitale in genere, le regole di ingaggio nei rapporti con gli utenti, le cadenze di pubblicazione, il tono di voce, i tempi di risposta, l’analisi dei dati, il monitoraggio e la moderazione delle discussioni e delle community: molte pubbliche amministrazioni hanno saputo potenziare l’interazione telematica con i cittadini durante la pandemia, altre si sono viste costrette a fare di necessità virtù. In ogni caso, è comune la percezione circa l’importanza della sfida, nell’ottica di una sempre maggiore centralità della persona nella relazione con le amministrazioni.

Qualche ente ha una cultura più consolidata nell’uso della comunicazione online, ma tanti necessitano di una bussola, un orientamento per un utilizzo più efficace dei nuovi strumenti di contatto con gli utenti. Ecco perché la Funzione pubblica ha scelto di accompagnare le Pubbliche Amministrazioni, su impulso del Ministro Dadone, creando il Gruppo di lavoro sulla Social Media Policy nazionale, coordinato da Sergio Talamo, direttore dell’area comunicazione, editoria, trasparenza e relazioni esterne di Formez PA.

Dopo l’avvio dello scorso 22 ottobre, il secondo incontro è previsto per il 20 novembre alle ore 11.30 su una piattaforma telematica. Sarà il primo incontro a cui parteciperà il professor Francesco Pira.

Pira da anni si occupa di Comunicazione pubblica. Delegato del Rettore, alla Comunicazione dell’Università di Messina, insegna Comunicazione Istituzionale e Strategica. È coordinatore didattico del Master in Social Media Manager presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne. Nel giugno 2020 è stato nominato Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Fake News di Confassociazioni. Nel luglio 2020, componente dell’Osservatorio Internet e Soggetti Vulnerabili di Corecom Sicilia. È componente del Comitato Scientifico del Centro Studi di Avis nazionale, vice presidente nazionale con delega alla Comunicazione della SoSan odv che si occupa di solidarietà sanitaria. È componente del Comitato Promotore e componente del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Nazionale sulla Comunicazione Digitale di PA Social e Istituto Piepoli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin