"Sognando le Madonie", i bambini di oncoematologia pediatrica del Civico sulla neve :ilSicilia.it
Palermo

Una gita fuori porta

“Sognando le Madonie”, i bambini di oncoematologia pediatrica del Civico sulla neve

di
4 Marzo 2019

Sarà la prima edizione quella del 4 marzo e il titolo, tra poesia e realtà in reparto, apre un percorso che ha messo insieme l’assessorato regionale Territorio e Ambiente, l’Ente Parco delle Madonie e alcune associazioni (l’“Aslti”, l’Associazione siciliana leucemie e tumori dell’infanzia, “La Città che vorrei” e “Sci Club – Parco delle Madonie”): “Sognando le Madonie. Vorrei toccare con le mie dita candidi fiocchi di neve”.

Un’operazione “normale” per i più, ma non per i piccoli di oncoematologia pediatrica dell’ospedale “Civico” di Palermo. Alcuni di loro, domani, saliranno a Piano Battaglia, la stazione sciistica delle Madonie, insieme alle famiglie.

Una gita fuori porta che reca i segni eccezionali di una giornata diversa, fuori da quell’ordinario spesso rigato da lacrime, tra camici e cure.

In un post sulla pagina Facebook del Parco delle Madonie, un genitore che si firma un papà qualunque di un bimbo speciale che mi ha insegnato a vivere”, ricorda che l’iniziativa «nasce dal desiderio di alcuni bimbi che vivono ogni giorno una dura battaglia: la lotta per la vita, la cui normalità diventa vivere e condividere gioie e dolori nel reparto di oncoematologia pediatrica». E aggiunge: «Per chi non vive questa realtà, può sembrare banale fare una gita sulla neve, per i bambini di quel reparto è qualcosa di meraviglioso».

E qui il tratto da segnare come spesso accade quando le parole disegnano vite intrecciate e fortificate dal dolore: «Quel giorno saranno come tutti gli altri, potranno giocare e godere di momenti spensierati e con loro i genitori che ne gioiranno insieme, il tutto come se fosse una semplice giornata di una famiglia qualunque». Già, perché è proprio questa la sfida quotidiana: il tentativo della normalità. I percorsi della malattia non fanno mai sconti: «Anche noi per qualche ora vivremo momenti felici che a volte riusciamo solo ad immaginare chiedendoci se mai torneranno a far parte della nostra quotidianità o se questi non arriveranno mai più perché i nostri piccoli grandi eroi qualche volta diventano angeli».

Il contatto con la natura rappresenta un ritorno alle origini e sempre più la scienza spinge per farne un appuntamento fisso nella propria agenda; in particolare, abbracciare un albero, respirare l’aria e i suoni di un bosco, passeggiarvi contemplando il pezzo di cielo che si adagia sopra, toccare gli elementi come la neve, che risveglia l’“istinto” della felicità, sono tutte buone pratiche.

Una sorta di “immersione” per “bagnare” mente e corpo e ai bambini del “Civico” toccherà questo: divertirsi, che non è mai operazione scontata tanto più se oncoematologia pediatrica è il luogo da cui provieni.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin