“Soldado” il nuovo film di Stefano Sollima | RECENSIONE :ilSicilia.it

dal regista di "Suburra" e "Gomorra - La serie"

“Soldado” il nuovo film di Stefano Sollima, la recensione | VIDEO

di
29 Ottobre 2018

“Soldado” – Guarda il trailer in alto

Finalmente un bel thriller che al contempo possiede azione e dramma. La suspense non lascia lo spettatore della prima scena all’ultima, e questo è un grandissimo pregio per chi ama questo genere cinematografico. Gli attori sono tutti bravissimi, con un Benicio Del Toro superbo, e la narrazione è fluida e molto convincente. La fotografia e le musiche fanno il resto, e rendono il film un ottimo action movie.

Il traffico d’esseri umani è la cornice del film. I cartelli della droga messicani fanno più affari con i migranti clandestini che con la cocaina. Rischi minori e molto più guadagno. Come avviene d’altra parte nel Mediterraneo. I flussi incontrollati di clandestini sono anche il viatico di terroristi islamici che attentato alla sicurezza della popolazione degli Stati Uniti, ed è a quel punto che il Governo americano è costretto ad intervenire con tempestività e violenza.

Una strage terroristica in un supermercato del Texas dà il via ad un’azione di rappresaglia e di morti che vede a capo l’agente Matt Graver (Josh Brolin) che ha il compito di fare giustizia e ristabilire l’ordine. Alejandro (Benicio Del Toro) è l’uomo di Graver che sa come muoversi e come agire in terra messicana, senza regole e senza legge. I risvolti umani saranno imprevedibili e la narrazione assume contorni crudi e umani al contempo. Ed è a qual punto che inizia un’altra storia, fatti di sentimenti più che di vendetta, di umanità più che di crudeltà, di sano cinismo più che di opportunità. Il finale lascia aperta la porta della prossima puntata del sequel che non tarderà ad arrivare nelle sale cinematografiche di tutto il mondo.

Il primo film di quella che è divenuta una serie, uscì nel 2015, dove “Sicario” doveva affrontare la violenza dei cartelli della droga tra il Messico e gli Stai Uniti. Adesso, dopo tre anni, nel 2018, “Soldado” di Stefano Sollima si intreccia nella frontiera messicana tra storie di migranti clandestini, terroristi islamici, cinica politica estera americana, vendette e tradimenti.

Il film è da vedere, intenso, corretto, che non lascia nulla al caso, e soprattutto ci fa capire cosa accade veramente dietro le quinte del potere di questo mondo fatto di affari clandestini e politica selvaggia, che più che al bene comune, punta agli affari, al potere coperto da una maschera di terribile ipocrisia e immoralità.

 

SCHEDA

Titolo originale: “Sicario: Day of the Soldado”.

Regia di Stefano Sollima

Produzione Trent Luckinbill, Molly Smith, Basil Iwanyk, Erica Lee, Edward McDonnell, Thad Luckinbill, Emma McGill, Richard Middleton, Ellen H. Schwartz.

Distribuzione: 01 Distribution.

Sceneggiatura: Taylor Sheridan

Musiche di Hildur Guðnadóttir

Con Benicio Del Toro, Josh Brolin, Isabela Moner, Jeffrey Donovan, Catherine Keener, Manuel Garcia-Rulfo, Matthew Modine, Shea Whigham, Elijah Rodriguez, Howard Ferguson Jr., David Castaneda, Catherine Haun, Rob Franco, Chris Adams

Trailer EN: https://www.youtube.com/watch?v=Pymm6cmE9uQ

IMDb: https://www.imdb.com/title/tt5052474/

Wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Soldado

 

ANDREA GIOSTRA

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

giostra
Andrea Giostra

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.