Soldi e sanità, terremoto in Sicilia: pronta la diffida per gli ordini dei medici :ilSicilia.it

in attesa di inviare i documenti all'Anac

Soldi e sanità, terremoto in Sicilia: pronta la diffida per gli ordini dei medici

di
17 Gennaio 2019

Tutti gli ordini dei medici della Sicilia riceveranno in questi giorni la diffida che, il 16 gennaio, il Codacons regionale ha preannunciato di inviare loro. La decisione dopo che la  Federazione Europea delle Industrie Farmaceutiche (Efpia) ha reso note le liste con i nomi dei soggetti pubblici e privati che avrebbero ricevuto finanziamenti dalla casa farmaceutica britannica GlaxoSmithKline. La Società che produce il vaccino esavalente venduto in Italia.

Quest’ultima, nel triennio 2015/2017, avrebbe versato una pioggia di denaro che ha oltrepassato lo Stretto arrivando fino a Roma.

La decisione del Codacons Sicilia poggia sulla necessità di “garantire la trasparenza in favore dei cittadini. Vogliono che i medici indichino nei loro studi “tutti i rapporti con le aziende farmaceutiche, esponendo appositi cartelli volti ad informare i pazienti circa i legami con le multinazionali dei farmaci”.

giulia grillo
Giulia Grillo

Soltanto in Sicilia, stando ai rendiconti, emergono soggetti portatori di interessi pubblici e privati che avrebbero ricevuto soldi dal colosso farmaceutico Gsk: università, fondazioni, centri di formazione professionale, ospedali, associazioni onlus e una serqua di medici provenienti da tutte le province della Sicilia. Nessuna esclusa.

Un giro da 39 milioni di euro che corre dalla Sicilia e s’impenna a Roma dove, tra i beneficiari, salta fuori l’Istituto superiore della Sanità (Iss) che opera sotto la vigilanza del ministero della Salute, guidato dal ministro catanese Giulia Grillo. Qui, secondo le liste, la Gsk avrebbe fatto arrivare un totale di 219.600 euro: 125.660 nel 2016 e 93.940 nel 2017.

Walter ricciardi
Walter Ricciardi

Il presidente dell’organismo, di diritto pubblico, fino al 18 dicembre è stato Walter Ricciardi che ha rassegnato le dimissioni lo stesso giorno in cui il Codacons nazionale ha reso pubbliche, sul proprio sito internet, le liste coi nomi. Un passato ricco di presunti conflitti di interessi quello di Walter Ricciardi che era già stato oggetto di due interrogazioni: una al Senato, da Paola Taverna, l’altra al Parlamento europeo, da Piernicola Pedicini (entrambi del Movimento 5 Stelle).

È curioso che il ministro Grillo, collega di partito dei due parlamentari, non fosse a conoscenza della situazione. Si potrebbe intravedere all’orizzonte l’ombra di una culpa in vigilando cui si potrebbe aggiungere anche una culpa in eligendo visto che il successore di Ricciardi viene indicato dal Codacons come portatore di interessi privati.

Dopo le dimissioni dell’ex presidente, infatti, il ministro della Salute ha dovuto nominare un commissario straordinario: il suo nome è Silvio Brusaferro che secondo l’associazione dei consumatori  “compare tra i presidenti del comitato organizzatore del 51°congresso nazionale Siti (società italiana di igiene) con la sponsorizzazione della Glaxosmithkline,della Msd e della Pfizer”. Si tratta delle maggiori aziende farmaceutiche produttrici di vaccini e tra queste compare di nuovo la Gsk.

Silvio Brusaferro

Ora, tanto per Brusaferro quanto per Ricciardi non si può parlare di reato ma, considerato che ogni sistema ha le sue storture e che non tutto quello che è concesso è anche lecito, si pone quanto meno una questione di conflitto di interessi. L’Istituto, infatti, svolge anche un’attività di ricerca e consulenza importante per il ministero della Salute: i suoi pareri non sono vincolanti ma hanno una marcata funzione di indirizzo. Ricciardi era stato messo alla guida dell’Iss dal governo Renzi ma il commissario Brusaferro è stato nominato da quello in carica.

Non è tutto. Un’altra grossa “firma”, perché la firma ce la mette proprio, appartiene questa volta al dicastero retto dalla Grillo. Sarebbe un importante dirigente che, sempre secondo il Codacons, firma atti pubblici sui vaccini e contestualmente fa parte del consiglio d’amministrazione della Glaxo.  

Se questo venisse confermato da un’ipotetica inchiesta, che al momento non c’è, si potrebbe forse parlare di abuso d’ufficio.

È fin troppo evidente quanto il nome della Gsk sia ricorrente in tutta questa storia fatta anche di cifre ricorrenti che farebbero pensare ad un tariffario. Per quali consulenze non è ancora stato possibile scoprirlo.

Tornando all’Istituto superiore di Sanità, il Codacons aveva preannunciato l’intenzione di inviare le liste con nomi e numeri, all’Autorità nazionale anticorruzione diretta da Raffaele Cantone. Nella giornata del 16 gennaio ci siamo messi in contatto con l’Anac ma dagli uffici romani hanno risposto di non avere ancora ricevuto nulla.

Scarica i dati in basso con le province siciliane evidenziate in giallo:

Elenco 2017

Elenco 2016

Elenco 2015

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Conflitto d’interessi, il giro milionario nella sanità dalla Sicilia a Roma: i nomi

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.