"Sole Luna Doc Film Festival" il cinema del reale ospite dello Spasimo di Palermo [Video] :ilSicilia.it
Palermo

La giuria che decreterà il miglior documentario è presieduta da Gianni Massironi

“Sole Luna Doc Film Festival” il cinema del reale ospite dello Spasimo di Palermo [Video]

29 Giugno 2017

Il complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo a Palermo ospiterà, dal 3 al 9 luglio, la dodicesima edizione del “Sole Luna Doc Film Festival”.

Riconosciuta già da tempo quale punto di riferimento culturale tra le realtà che promuovono il ‘cinema del reale’, ancora una volta la manifestazione, come sottolineato in conferenza stampa da Alessandro Rais, presidente della Sicilia Film Commission, manifesta la volontà di rinnovarsi pur mantenendo una continuità di intenti.

Il festival, infatti, fondato e presieduto da Lucia Gotti Venturato, presidente dell’Associazione Sole Luna – un ponte tra le culture, ha saputo svilupparsi come impresa radicandosi nel territorio, accogliendo artisti di grande calibro e valorizzando, al contempo, le esperienze maturate nel contesto.

Ulteriore prova della sua evoluzione è l’approdo, già da alcuni anni, nella città di Treviso, passando per Milano, di cui è main partner all’interno del Festival dei Diritti Umani, e Roma.

Il gruppo di lavoro che ha portato all’edizione corrente si è avvalso della direzione scientifica di Gabriella D’Agostino, antropologa nell’Università degli Studi di Palermo, e della direzione artistica dei registi Chiara Andrich e Andrea Mura, diplomati al Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.

Dei film che compongono il fitto programma, i trentuno in concorso sono suddivisi nelle categorie: The Journey, documentari che raccontano storie di popoli, di persone e di paesaggi, nella profonda interconnessione di natura e cultura; Human Rights, ovvero i film che mettono in luce situazioni problematiche e di crisi nel mondo dove i diritti umani non sono rispettati; e la sezione dei Corti.

Fuori concorso, invece, la rassegna Art in Doc presenterà quattro documentari dedicati a grandi artisti del nostro secolo che approfondiranno tematiche legate all’arte contemporanea; tra questi il “Pellegrino” di Federico Savonitto e Ruben Monterosso, un tributo alla città di Palermo.

All’interno del festival anche sei prime nazionali, di cui due cortometraggi: “69 minutes of 86 days”, “Vuelo Nocturno”, “Les deux visages d’une femme bamiléké”, “Overdrive. Return Point”, e i corti “Sans le Kosovo” e “Il naufrago”.

La giuria chiamata a giudicare i documentari in concorso, presieduta dal regista e produttore Gianni Massironi, insieme a Firouzeh Khosrovani, Italo Spinelli, Mark Peploe e Vincenzo Matera, assegneranno il Premio al Miglior documentario e le relative menzioni speciali, e al Documentario più innovativo.

Il Premio Sole Luna – Un ponte tra le culture, una scultura disegnata da Tobia Scarpa, sarà conferito da Lucia Gotti Venturato; gli altri riconoscimenti assegnati saranno il Premio della Giuria Speciale Studenti Liceali, il premio della Giuria Nuovi Italiani e, infine, il Premio del Pubblico.

Biglietto da visita di questa edizione sarà #crearelegami.

In quest’ottica tutte le sere, dalle 18, avranno luogo testimonianze, racconti, incontri con i registi, presentazioni di libri e progetti solidali che creeranno come un tessuto, una trama alla quale ognuno dei presenti avrà contribuito con un passaggio personale.

Uno spazio particolare verrà dedicato anche all’arte con Visioni(Di)Visioni, mostra fotografica con scatti realizzati tra Beirut, Napoli, Algeri, Marsiglia, Amman e Lubiana durante la Photo Maraton 2016, e con l’installazione di Gianluca Costantini composta da alcuni disegni animati, realizzati in occasione del Festival dei diritti umani di Milano.

Un workshop sul cinema del reale, guidato dal regista Alessio Genovese, e una master class condotta dagli artisti ospitati rappresenteranno i momenti formativi del festival.

Quest’ultimo si avvale del sostegno di Sensi Contemporanei, Agenzia per la Coesione territoriale, Mibact Cinema, Regione Siciliana, Sicilia Film Commission, Comune di Palermo, Instituto Cervantes Palermo, Google, Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Vicenza; e del patrocinio del Ministero degli Affari esteri e Cooperazione internazionale, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Regione Siciliana, Comune di Palermo, Università di Palermo, Dipartimento Culture e Società, Federturismo, Touring Club, Doc/it.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.