15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.54
Palermo

L'incontro sarà il 9 aprile alle 11,30

Solidarietà a Nasrin Sotoudeh, la Camera Penale di Palermo: “Scarceratela!”

8 Aprile 2019

La Camera Penale “G. Bellavista” di Palermo, in occasione della manifestazione di solidarietà all’avvocatessa iraniana Nasrin Sotoudeh, si incontrerà innanzi il Tribunale di Palermo, piazza Vittorio Emanuele Orlando martedì 9 aprile 2019 alle 11:30, unendosi alla denuncia della Camera Penale di Roma davanti l’ambasciata iraniana per il brutale attacco alle prerogative di libertà ed indipendenza dell’avvocatura di cui la condanna di Nasrin Sotoudeh ne costituisce l’ennesima manifestazione.

Avv. Fabio Ferrara
Avv. Fabio Ferrara

Nasrin Sotoudeh – dichiara l’avv. Fabio Ferrara, presidente della Camera Penale di Palermo – l’11 marzo 2019 è stata condannata alla pena di 33 anni di reclusione e a 148 frustate per sette capi d’accusa: l’avere difeso le donne iraniane che nel 2018 si erano tolte in pubblico il velo imposto dal regime, l’appartenenza ad un’associazione contro la pena di morte e la propaganda anti-sistema, l’istigazione alla corruzione e alla prostituzione; pena che si aggiunge ai cinque anni di reclusione che l’avvocatessa sta scontando e che potrebbe ridursi a ‘soli’ 12 anni qualora Nasrin Sotoudeh proponesse appello, dato che secondo la legge iraniana in tal caso si esegue la più lunga delle pene irrogate; ma l’avvocatessa ha comunicato di non volere fare appello per non legittimare il regime fondamentalista iraniano”.

“L’avvocatessa Nasrin Sotoudeh – continua la nota – ha dedicato il suo impegno professionale per la difesa dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone e per l’abolizione della pena di morte, per la difesa degli oppositori politici e battendosi strenuamente, in particolare, per i diritti civili delle donne contro la condizione umiliante alla quale quel regime reazionario soggioga da quarant’anni le donne iraniane”.

“Ancora una volta questa condanna si inscrive nella triste strategia volta a perseguire, reprimere ed intimidire l’avvocato che difende gli attivisti ed oppositori politici e finalisticamente mirata a privare gli accusati del diritto di difesa”.

Il presidente Ferrara conclude la nota, approvata dall’unanimità dal consiglio direttivo della camera penale, esprimendo pieno sostegno e solidarietà in favore dell’eroica collega iraniana chiedendone a gran voce l’immediata scarcerazione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.