Solidarietà ai poveri e ai bisognosi, Biagio Conte si ritira in una grotta per penitenza :ilSicilia.it
Palermo

L'APPELLO AI GIOVANI A VIVERE UNA VITA PIù CRISTIANA

Solidarietà ai poveri e ai bisognosi, Biagio Conte si ritira in una grotta per penitenza

di
4 Giugno 2020

Mi abbandono nell’entroterra siciliano, a vivere in una grotta, alla Preghiera, alla Penitenza e al Digiuno per essere solidale con le famiglie disagiate, con i giovani e i meno giovani, con chi non ha una casa, un lavoro, con i carcerati, con chi cade nella prostituzione, con chi non ha un riconoscimento, un documento e il giusto diritto di sentirsi un libero e comune cittadino”.

Con queste parole fratel Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità di Palermo, che si occupa di assistere indigenti e persone fragili, annuncia la sua iniziativa di preghiera e digiuno.

Adesso basta nel vivere e nel pensare e nel nutrire passioni, piaceri, vizi e vivere nel male, nelle schiavitù negative. E’ urgente e doveroso – aggiunge Fratel Biagio – maturare nella vita un prezioso cambiamento, una vera ”conversione” nel giusto vivere, cioè nel bene e non nel male. Dobbiamo impegnarci ad essere cittadini onesti e giusti sia come cittadini locali, sia come cittadini di nazioni diverse, affinchè possiamo da veri uomini e donne costruire insieme un mondo migliore e più giusto, di vera Pace e Speranza“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.