Solidarietà: torna la Colletta alimentare, l'appuntamento nei supermercati siciliani :ilSicilia.it

Sabato 30 novembre

Solidarietà: torna la Colletta alimentare, l’appuntamento nei supermercati siciliani

di
28 Novembre 2019

Tutto è pronto per la 23ª edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare.

Sabato 30 novembre in oltre 13.000 supermercati, sarà possibile concedersi un gesto concreto di solidarietà e condivisione, donando alimenti di prima necessità, che nei mesi successivi verranno distribuiti a 7.569 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza) in aiuto di oltre 1.500.000 di persone meno fortunate in Italia, di cui quasi 345.000 minori.

“L’idea di chi ha bisogno è  sostanzialmente cambiata negli anni – ha detto Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare – Nei 5 milioni di poveri individuati dall’Istat, grandissima parte sono quelli che non diresti mai, ovvero quelli della porta accanto e che ogni giorno sono costretti a scegliere tra il mangiare e il curarsi, tra il mangiare o l’andare dal dentista. Questo il ritratto della povertà oggi in Italia”.

Alimenti per l’infanzia, tonno in scatola, olio, biscotti, riso, legumi, sughi e pelati: sono gli alimenti maggiormente consigliati dai tantissimi volontari coinvolti nell’iniziativa (145.000 su tutto il territorio nazionale), e al tempo stesso richiesti dagli enti che si rivolgono al Banco Alimentare e che possono essere donati anche online, sulle piattaforme di alcune grandi catene di distribuzione o dal sito stesso della colletta (www.collettaalimentare.it).

Colletta Alimentare_23esima edizioneBen 160mila il totale degli assistiti in Sicilia, grazie al continuo impegno dell’Associazione Banco Alimentare della Sicilia ONLUS, attiva in sette province (Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Ragusa, Siracusa), attraverso più di 490 strutture caritative.

Quello della #Colletta2019 è un appuntamento con la solidarietà, un momento di sensibilizzazione, ma anche – come sottolineato dallo stesso Bruno – “il richiamo ad un gesto che ci ricorda che non tutto ci è dovuto”.

Solo nella provincia di Palermo saranno più di 230 i supermercati che risponderanno a questo richiamo.

Nel 2018 sono state distribuite oltre 90mila tonnellate di alimenti, grazie all’efficienza delle 21 sedi regionali che costituiscono la Fondazione.

“Il 2019 dovrebbe chiudersi sugli stessi livelli. – conclude Giovanni Bruno – Ci sono stati grossi incrementi per quanto riguarda i cibi più freschi, quindi più prossimi alla scadenza, e che garantiscono maggiore varietà nelle donazioni alle famiglie più bisognose.”

Ma il cibo non si muove da solo, e sulla scia della beneficenza, fino al 10 dicembre, sarà infine possibile sostenere i costi di trasporto e stoccaggio degli alimenti donati inviando un Sms al numero 45582.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin