Sondaggi, centrodestra al 37 per cento, lontani i 5 Stelle, centrosinistra fermo al palo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo

La rilevazione di Emg per "Cartabianca" porta la data del 9 febbraio

Sondaggi, centrodestra al 37 per cento, lontani i 5 Stelle, centrosinistra fermo al palo

di
13 Febbraio 2018

A meno di un mese dalle elezioni, il centrodestra, con circa nove punti percentuali di distacco, si conferma in testa. E’ quanto emerge da un sondaggio di Emg per Cartabianca che porta la data del 9 febbraio. La coalizione moderata si attesta sul 37 per cento, anche se lievemente in calo rispetto all’ultima rilevazione. C’è tempo, comunque, per rosicchiare ancora qualche punto percentuale e arrivare alla fatidica soglia del 40 per cento, che consentirebbe al centrodestra di poter governare da solo.

Forza Italia resta al 15 per cento perdendo lo 0,8, mentre guadagna la Lega che conquista il 14,6 per cento. Stabili Fratelli d’Italia al 4,6 e Noi con l’Italia al 2,8.

In calo il centrosinistra, che si ferma al 27,4 per cento. Chi perde di più è il Pd, che con un – 0,6 rispetto all’ultimo sondaggio è adesso al 22,4. Bene “Più Europa“, la lista di Emma Bonino, infatti, si attesta sul 2 per cento. “Insieme” è all,1,6, mentre non supera l’1 per cento la Lista civica popolare con Lorenzin.

Il Movimento 5 stelle, nonostante gli scandali dei mancati rimborsi e le candidature di personaggi chiacchierati, ottiene il 28,1 per cento. Una percentuale superiore rispetto all’ultima rilevazione, ma di molto inferiore alla soglia del 40 per cento che Di Maio si dice sicuro di raggiungere il 4 marzo.

Bene, infine, “Liberi e uguali” che oggi otterrebbe il 5,7 per cento, percentuale che permetterebbe alla coalizione di Pietro Grasso di portare una pattuglia di suoi esponenti in parlamento.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin