17 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

Solo il 17 per cento ha votato per abbattere tutti i fabbricati non a norma

Sondaggio abusivismo, stravincono i NO alla demolizione delle case irregolari | Risultati

12 Novembre 2018

Ilsicilia.it ha chiesto a voi lettrici e lettori di darci un parere sul tema dell’abusivismo, proponendovi il sondaggio “Case abusive, demolizione o tolleranza”? E a sorpresa, ha vinto la tolleranza, con una maggioranza schiacciante fra quelli che sono possibilisti e contrari all’abbattimento sempre e comunque, che rivela come il fenomeno dell’abusivismo sia particolarmente complesso e non lo si possa affrontare dall’oggi al domani.

Per il 34,24 per cento dei nostri lettori (pari a 6.399 persone) occorre demolire solo le case che si trovano in zone vincolate o a rischio. Altissima (il 29,56 per cento, 5.525 persone) anche la percentuale di quanti sostengono che bisogna valutare caso per caso, rispettando il cosiddetto “abusivismo di necessità”. Il 18,95 per cento di chi ha votato (3.542 persone), poi, ritiene che non si debba demolire nessuna abitazione abusiva o irregolare, perché “la casa è un diritto da rispettare”. Infine, la percentuale più debole (17,25, 3.225 votanti) è a sorpresa quella di coloro che dicono che occorra demolire tutte le case abusive.

Alla fine a votare sono stati in tantissimi: dalle 12 di giovedì 8 novembre fino alle 23,59 di domenica 11 novembre a esprimersi sono stati oltre diciottomila lettori.

Un sondaggio che ha manifestato, in pratica, l’esistenza di un vero e proprio esercito di persone che non sono disposte a liquidare la questione delle abitazioni irregolari con la demolizione delle stesse, ma che cerca soluzioni alternative. E in effetti, questo denota come siamo in una terra nella quale gli edifici irregolari e abusivi siano tantissimi, diffusi sia nel paesi, che nelle città o fuori dai centri abitati. Insomma, se è vero che nella nostra Isola fino a qualche tempo fa (e probabilmente anche oggi) l’abusivismo è stata la regola ecco che si spiegano questi risultati, che arrivano nonostante i nove morti di Casteldaccia, travolti dalla piena del torrente Milicia mentre si trovavano in una villetta abusiva con tanto di ordine di demolizione.

Una questione spinosa, dunque, che in passato è stata spesso rimossa o archiviata mediante la pratica discutibile delle sanatorie, ma che con molta probabilità meriterebbe un intervento del legislatore, per addivenire ad una legge che metta ordine una volta per tutte su questa materia, garantendo allo stesso tempo il diritto alla casa e il rispetto delle norme.

RISULTATI

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.