Sondaggio abusivismo, stravincono i NO alla demolizione delle case irregolari | Risultati :ilSicilia.it

Solo il 17 per cento ha votato per abbattere tutti i fabbricati non a norma

Sondaggio abusivismo, stravincono i NO alla demolizione delle case irregolari | Risultati

di
12 Novembre 2018

Ilsicilia.it ha chiesto a voi lettrici e lettori di darci un parere sul tema dell’abusivismo, proponendovi il sondaggio “Case abusive, demolizione o tolleranza”? E a sorpresa, ha vinto la tolleranza, con una maggioranza schiacciante fra quelli che sono possibilisti e contrari all’abbattimento sempre e comunque, che rivela come il fenomeno dell’abusivismo sia particolarmente complesso e non lo si possa affrontare dall’oggi al domani.

Per il 34,24 per cento dei nostri lettori (pari a 6.399 persone) occorre demolire solo le case che si trovano in zone vincolate o a rischio. Altissima (il 29,56 per cento, 5.525 persone) anche la percentuale di quanti sostengono che bisogna valutare caso per caso, rispettando il cosiddetto “abusivismo di necessità”. Il 18,95 per cento di chi ha votato (3.542 persone), poi, ritiene che non si debba demolire nessuna abitazione abusiva o irregolare, perché “la casa è un diritto da rispettare”. Infine, la percentuale più debole (17,25, 3.225 votanti) è a sorpresa quella di coloro che dicono che occorra demolire tutte le case abusive.

Alla fine a votare sono stati in tantissimi: dalle 12 di giovedì 8 novembre fino alle 23,59 di domenica 11 novembre a esprimersi sono stati oltre diciottomila lettori.

Un sondaggio che ha manifestato, in pratica, l’esistenza di un vero e proprio esercito di persone che non sono disposte a liquidare la questione delle abitazioni irregolari con la demolizione delle stesse, ma che cerca soluzioni alternative. E in effetti, questo denota come siamo in una terra nella quale gli edifici irregolari e abusivi siano tantissimi, diffusi sia nel paesi, che nelle città o fuori dai centri abitati. Insomma, se è vero che nella nostra Isola fino a qualche tempo fa (e probabilmente anche oggi) l’abusivismo è stata la regola ecco che si spiegano questi risultati, che arrivano nonostante i nove morti di Casteldaccia, travolti dalla piena del torrente Milicia mentre si trovavano in una villetta abusiva con tanto di ordine di demolizione.

Una questione spinosa, dunque, che in passato è stata spesso rimossa o archiviata mediante la pratica discutibile delle sanatorie, ma che con molta probabilità meriterebbe un intervento del legislatore, per addivenire ad una legge che metta ordine una volta per tutte su questa materia, garantendo allo stesso tempo il diritto alla casa e il rispetto delle norme.

RISULTATI

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.