Sondaggio BiDimedia per le Politiche. In aumento il centrodestra, Fermi i 5 Stelle. Il dato regione per regione :ilSicilia.it

L'ultima rilevazione prima del silenzio pre-elettorale

Sondaggio BiDimedia per le Politiche. In aumento il centrodestra, Fermi i 5 Stelle. Il dato regione per regione

di
16 Febbraio 2018

L’ultimo giorno di sondaggi prima del black out elettorale fa rilevare un centrodestra in forte vantaggio sugli altri schieramenti politici, un centrosinistra in difficoltà ma che recupera posizioni a danno del Movimento 5 Stelle, che non decolla, forse anche a causa delle recenti notizie sui mancati rimborsi. 

La rilevazione è di BiDimedia, secondo cui il centrodestra si conferma solido con il 37,2 per cento.

Forza Italia fa un balzo in avanti arrivando al 16,3 per cento, molto bene anche la Lega che si attesterebbe sul 14,5 per cento. Fratelli d’Italia sarebbe ferma al 3,9, mentre i democristiani di Noi con l’Italia al 2,5.

Recupera lievemente il centrosinistra, che si colloca sul 29,2 per cento. Il Pd rosicchia qualcosa e arriverebbe secondo questa rilevazione al 24,4. “Più Europa”, la lista di Emma Bonino e Bruno Tabacci sarebbe all’1,9 per cento. “Insieme” è all,1, mentre la Lista civica popolare con Lorenzin raggiungerebbe l’1,4 per cento. O,5 la Svp.

Il Movimento 5 stelle, dalla rilevazione di BiDimedia, perderebbe lo 0,9 e sarebbe fermo al 25,3. Una doccia fredda per il partito di Di Maio e Davide Casaleggio, in difficoltà per il caso “rimborsopoli”.

In calo anche “Liberi e uguali” di Pietro Grasso e Bersani, che otterrebbe uno scarno 4,6 per cento, mentre sempre a sinistra “Potere al popolo” sarebbe sull’1,2 per cento.

A destra, buono il risultato di Casapound Italia, che arriverebbe all’1,1 per cento. Una percentuale di tutto rispetto se si pensa che la formazione guidata da Simone Di Stefano è alla sua prima prova elettorale nazionale.

Per quanto riguarda gli scontri diretti regione per regione, il centrodestra è ampiamente in vantaggio sulle altre coalizioni in almeno tredici regioni. Fa il pieno al Nord e al Sud Italia. Il centrosinistra si conferma forte, invece, nelle tradizionali roccaforti di Toscana, Emilia Romagna e Umbria, oltre che in Basilicata e Trentino Alto Adige. Al Movimento 5 Stelle andrebbe la vittoria nella sola Sardegna.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.