Sondaggio La 7: cresce la Lega, in calo 5 Stelle, Pd e Renzi, Novità Calenda | ilSicilia.it :ilSicilia.it

le intenzioni di voto degli italiani

Sondaggio La 7: cresce la Lega, in calo 5 Stelle, Pd e Renzi, Novità Calenda

di
2 Dicembre 2019

Centrodestra avanti nel sondaggio politico del 2 dicembre, realizzato da SWG per il Tg La7 condotto da Enrico Mentana: sale la Lega, mentre perdono consensi i 5 Stelle, il Pd, i renziani e Forza Italia. Ma la novità più importante della settimana è il buon piazzamento di Carlo Calenda, con il suo nuovo movimento “Azione”.

La Lega di Matteo Salvini è in assoluto il primo partito con il 33,8 per cento, facendo registrare un + 0,7 rispetto alla scorsa settimana. Bene anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che si attesta sul 10 per cento, raggiungendo anche questa settimana la doppia cifra. In calo Forza Italia di Silvio Berlusconi che passa dal 6 per cento al 5,1, dunque con un segno meno dello 0,9. Nel centrodestra, infine, “Cambiamo” di Giovanni Toti, se si votasse oggi, otterrebbe l’1 per cento. Complessivamente il centrodestra sarebbe votato dal 49,9 per cento degli Italiani.

Perdono tutti i partiti dell’attuale maggioranza che sostiene il governo Conte bis: a cominciare dal Movimento 5 stelle che rispetto alla scorsa settimana va giù di un punto percentuale, fermandosi al 15,5 per cento. In calo dello 0,4 il Partito democratico, che ottiene il 17,7 per cento, così come “Italia Viva“: il partito di Matteo Renzi, che perde lo 0,6 e si ferma al 4,9 per cento.

La novità della settimana, si diceva, è “Azione“, la neonata formazione di Carlo Calenda, che al suo esordio fa registrare un buon 3,3 per cento.

Per quanto riguarda le altre formazioni politiche, la “Sinistra” (dato che include Leu ma anche MdP e Articolo 1) otterrebbe il 3,3 per cento; + Europa viene data all’1,6 per cento, mentre i Verdi sono fermi al 2 per cento.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin