SONDAGGIO Presidenza della Repubblica, Berlusconi il più votato dai nostri lettori CLICCA PER I RISULTATI :ilSicilia.it

SONDAGGIO Presidenza della Repubblica, Berlusconi il più votato dai nostri lettori CLICCA PER I RISULTATI

di
14 Gennaio 2022

E’ Silvio Berlusconi il più votato tra i possibili ‘aspiranti’ a succedere a Sergio Mattarella alla Presidenza della Repubblica nel sondaggio che ilSicilia.it ha voluto proporre ai propri lettori. Tantissime le persone che hanno voluto partecipare a quello che è poco più di un gioco, considerato tra l’altro che in Italia non vige l’elezione diretta del Capo dello Stato e che a decidere chi prenderà il posto di Mattarella sarà il Parlamento convocato in seduta comune, insieme ai delegati regionali inviati dai Consigli regionali

Il nostro ‘gioco’ ha avuto un successo clamoroso che nemmeno noi ci aspettavamo, con più di cinquemila persone che hanno deciso di partecipare per dire la propria. Si poteva votare dalle 17 del 10 gennaio 2022 alle 23.59 di giovedì 13 gennaio. Precisiamo che non si tratta di un sondaggio scientifico, non essendo noi un istituto di rilevazioni demoscopiche, ma è un modo per registrare comunque un orientamento. Il sondaggio è stato, dunque, l’occasione per ascoltare le opinioni di voi lettrici e lettori e permetterci di conoscere come la pensate su questa emergenza.

Silvio Berlusconi, dunque, è risultato il primo in questa particolare classifica. Il Cavaliere si è aggiudicato una considerevole fetta di voti, staccando gli altri ‘candidati’. Per l’ex Presidente del Consiglio si è pronunciato il 22,21% dei lettori.

Al secondo posto si è classificato l’ex segretario del Partito Democratico ed ex ministro Pier Luigi Bersani. Ad indicare il suo nome è stato il 17,62% dei partecipanti. Sul ‘podio’ l’attuale Presidente dei Consiglio Mario Draghi, che si è accaparrato il 9,21% delle indicazioni dei nostri lettori. A seguire, ecco il ministro della Giustizia Marta Cartabia (8,57%). L’ex Presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi tocca invece quota 6,42%.

Per l’ex Presidente della Camera dei Deputati Pier Ferdinando Casini una percentuale del 4,55%. Più in fondo troviamo Anna Finocchiaro (3,99%), Emma Bonino (3,8%), Romano Prodi (3,11%), Dario Franceschini (1,75%), Massimo D’Alema (1,04%) e Giuliano Amato (0,88%).

Dato rilevante è quello dell’opzione ‘ALTRI’, selezionata dal 16,88% dei partecipanti al sondaggio (seconda percentuale più alta in assoluto). Ricordiamo che è stato volutamente escluso dalla rosa dei nomi, un po’ per rispetto istituzionale, un po’ per evitare plebisciti, il Presidente in carica Sergio Mattarella.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.