Sondaggio sul "Caso Diciotti". Per il 75% dei nostri lettori Salvini non va processato | RISULTATI :ilSicilia.it

Ecco come avete risposto al nostro quesito

Sondaggio sul “Caso Diciotti”. Per il 75% dei nostri lettori Salvini non va processato | RISULTATI

di
4 Febbraio 2019

I lettori de ilSicilia.it, al quesito se è giusto o meno che sul “Caso Diciotti” il Senato conceda l’autorizzazione a procedere per il ministro dell’Interno Matteo Salvini hanno scelto per la stragrande maggioranza di votare no.

Circa 90 mila persone in 6 giorni (da martedì 29 gennaio alle 23.59 di domenica 3 febbraio) si sono collegate sul nostro sondaggio che ha posto il quesito: “Favorevoli o contrari all’autorizzazione a procedere per Matteo Salvini. SÌ o NO?” Ad esprimere un’opinione sono stati in 68.502.

Questo l’esito:

16.969 persone (pari al 24,77 %) hanno scelto l’opzione “SÌ, Salvini si è reso responsabile di sequestro di persona”, mentre 51.533 votanti (pari al 75,23 %) hanno scelto l’opzione “NO, l’autorizzazione a procedere va negata, quello di Salvini è stato un atto politico”.

L’accusa nei confronti del ministro riguarda i 177 migranti che per cinque giorni, nell’agosto scorso, rimasero a bordo della nave della Guardia Costiera nel porto di Catania. Il reato di cui è accusato il ministro degli Interni è di sequestro di persona aggravato, perchè secondo il Tribunale dei ministri, Salvini avrebbe abusato dei suoi poteri. Per la maggioranza dei lettori che hanno espresso un voto, tuttavia, la vicenda è squisitamente politica, ritenendo che se passasse l’autorizzazione a procedere, la giustizia ordinaria metterebbe sotto processo l’azione politica del governo e del suo ministro dell’Interno.

Ancora una volta vi ringraziamo per l’attenzione che, collegandovi sul sondaggio e votandolo, avete mostrato al quesito che il nostro giornale ha posto, ricordando che non si è trattato di un sondaggio scientifico, non essendo noi un istituto di rilevazioni demoscopiche, ma di un modo per registrare comunque un orientamento. Anche il campione di chi ha votato non è “selezionato”, ma tutti indistintamente avete potuto votare, collegandovi su ilSicilia.it ed esprimendo la vostra preferenza. Il sondaggio è stato, dunque, l’occasione per far partecipare voi lettrici e lettori a questo dibattito e permetterci di conoscere come la pensate su questa vicenda che tiene banco da tempo sulla stampa nazionale. Inoltre, nessuno ha potuto votare due volte, perchè il sistema in automatico ha registrato i doppi voti, annullandoli.

Ancora grazie a tutti voi per aver votato il nostro sondaggio (al di là della vostra preferenza) e perché continuate a leggerci in tantissimi. 

RISULTATI

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.