Sorelle Napoli, Gebbia: "Fondi Regione anche ai figli di Provenzano". La replica: "Risponderà ai giudici" :ilSicilia.it
Palermo

La conferenza stampa

Sorelle Napoli, Gebbia: “Fondi Regione anche ai figli di Provenzano”. La replica: “Risponderà ai giudici”

di
19 Gennaio 2019

Le sorelle Napoli sono figlie di un uomo indicato come capomafia e sono indicate come vittime della mafia. I figli del boss Provenzano, intercettati mentre erano nella loro cabina in una nave, si lamentavano della situazione in cui erano stati lasciati dal padre. Loro sono incensurati quindi anche a loro bisogna dare i fondi della Regione per i parenti di vittime della mafia”. Lo ha detto il generale dei carabinieri in pensione Nicolò Gebbia, assessore al comune di Mezzojuso, in provincia di Palermo, nella conferenza stampa per illustrare ciò che ha fatto il Comune nei confronti delle sorelle Irene Anna e Gioacchina Napoli che hanno denunciato intimidazioni e minacce mafiose per cedere la loro azienda agricola.

L’assessore ha ribadito che in numerosi fascicoli investigativi Salvatore Napoli, padre delle tre sorelle, è indicato come capomafia di Mezzojuso raccontando anche alcuni aneddoti che riguardano l’uomo che è morto nel 2006. ”Voglio incontrare i figli di Provenzano – ha aggiunto – per dire loro che devono partecipare al lauto banchetto della Regione”.

Alla conferenza stampa ha partecipato anche il sindaco di Mezzojuso Salvatore Giardina: “Ho saputo solo dopo un articolo del quotidiano La Repubblica del 22 settembre ’17 delle minacce alle sorelle Napoli e da subito il Comune ha mostrato solidarietà – ha affermato – Da allora sono andato più di 50 volte a casa delle sorelle Napoli. Noi siamo e saremo accanto a loro perché siamo e saremo per la legalità e contro la mafia. Ci costituiremo parte civile nell’eventuale processo ai responsabili degli atti contro le Napoli”.

Il sindaco ha elencato una serie di passaggi amministrativi: dalla solidarietà decisa dal consiglio comunale all’istituzione di un fondo a favore delle vittime di estorsione e usura, dall’organizzazione di un’assemblea cittadina su ”Mezzojuso democratica e solidale a favore di tutte le vittime di mafia ed estorsioni” in cui è stata ribadito l’appoggio alle sorelle al rifacimento della strada di accesso al loro podere in occasione delle alluvioni nel novembre scorso nonostante il territorio ricada nel comune di Corleone.

Irene, Anna e Gioacchina Napoli da oltre dieci anni denunciano minacce e intimidazioni per costringerle, sostengono, a cedere l’attività imprenditoriale che svolgono in una porzione di un terreno di 74 ettari tra Corleone e Godrano.

Aggiornamento: la replica delle sorelle Napoli:

In seguito alla conferenza stampa di oggi, le sorelle Napoli replicano alle dichiarazioni di Nicolò Gebbia: “Il generale Gebbia si assume la responsabilità delle sue dichiarazioni diffamatorie, per le quali, ulteriormente, sarà chiamato a rispondere davanti alla competente autorità giudiziaria”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.