Sorelle Napoli, Gebbia: "Fondi Regione anche ai figli di Provenzano". La replica: "Risponderà ai giudici" :ilSicilia.it
Palermo

La conferenza stampa

Sorelle Napoli, Gebbia: “Fondi Regione anche ai figli di Provenzano”. La replica: “Risponderà ai giudici”

di
19 Gennaio 2019

Le sorelle Napoli sono figlie di un uomo indicato come capomafia e sono indicate come vittime della mafia. I figli del boss Provenzano, intercettati mentre erano nella loro cabina in una nave, si lamentavano della situazione in cui erano stati lasciati dal padre. Loro sono incensurati quindi anche a loro bisogna dare i fondi della Regione per i parenti di vittime della mafia”. Lo ha detto il generale dei carabinieri in pensione Nicolò Gebbia, assessore al comune di Mezzojuso, in provincia di Palermo, nella conferenza stampa per illustrare ciò che ha fatto il Comune nei confronti delle sorelle Irene Anna e Gioacchina Napoli che hanno denunciato intimidazioni e minacce mafiose per cedere la loro azienda agricola.

L’assessore ha ribadito che in numerosi fascicoli investigativi Salvatore Napoli, padre delle tre sorelle, è indicato come capomafia di Mezzojuso raccontando anche alcuni aneddoti che riguardano l’uomo che è morto nel 2006. ”Voglio incontrare i figli di Provenzano – ha aggiunto – per dire loro che devono partecipare al lauto banchetto della Regione”.

Alla conferenza stampa ha partecipato anche il sindaco di Mezzojuso Salvatore Giardina: “Ho saputo solo dopo un articolo del quotidiano La Repubblica del 22 settembre ’17 delle minacce alle sorelle Napoli e da subito il Comune ha mostrato solidarietà – ha affermato – Da allora sono andato più di 50 volte a casa delle sorelle Napoli. Noi siamo e saremo accanto a loro perché siamo e saremo per la legalità e contro la mafia. Ci costituiremo parte civile nell’eventuale processo ai responsabili degli atti contro le Napoli”.

Il sindaco ha elencato una serie di passaggi amministrativi: dalla solidarietà decisa dal consiglio comunale all’istituzione di un fondo a favore delle vittime di estorsione e usura, dall’organizzazione di un’assemblea cittadina su ”Mezzojuso democratica e solidale a favore di tutte le vittime di mafia ed estorsioni” in cui è stata ribadito l’appoggio alle sorelle al rifacimento della strada di accesso al loro podere in occasione delle alluvioni nel novembre scorso nonostante il territorio ricada nel comune di Corleone.

Irene, Anna e Gioacchina Napoli da oltre dieci anni denunciano minacce e intimidazioni per costringerle, sostengono, a cedere l’attività imprenditoriale che svolgono in una porzione di un terreno di 74 ettari tra Corleone e Godrano.

Aggiornamento: la replica delle sorelle Napoli:

In seguito alla conferenza stampa di oggi, le sorelle Napoli replicano alle dichiarazioni di Nicolò Gebbia: “Il generale Gebbia si assume la responsabilità delle sue dichiarazioni diffamatorie, per le quali, ulteriormente, sarà chiamato a rispondere davanti alla competente autorità giudiziaria”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin