Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti :ilSicilia.it
Palermo

La nota del primo cittadino

Sorelle Napoli, il sindaco di Mezzojuso si scaglia contro Giletti

di
21 Gennaio 2019

Ancora una volta il sindaco di Mezzojuso Salvatore Giardina si scaglia contro Massimo Giletti in seguito all’ultima puntata di Non è l’Arena, la trasmissione in onda su La 7: “Il signor Giletti non ha perso occasione per seguire il suo copione che mette in cattiva luce me e l’intera comunità di Mezzojuso – si legge nella nota inviata alla stampa dal primo cittadino – E per non farci rappresentare il nostro punto di vista“.

Sabato mattina ho tenuto una conferenza stampa dove in dieci fitte cartelle ho spiegato punto per punto cosa abbiamo fatto per le sorelle Napoli e rispondevo ad ogni accusa formulatami nel corso delle sue trasmissioni – afferma Giardina riferendosi a Giletti -. Il suo inviato Danilo Lupo era presente alla conferenza, ha preso la cartella stampa, che ha girato anche a lui, ed ha registrato l’intero dibattito con audio e video”. Quindi l’attacco: “La 7 riporta quello che più le conviene per sostenere la sua tesi“.

Nella trasmissione di ieri sera non è stata riportata nemmeno una parola della conferenza stampa che ho tenuto sabato scorso – dice il primo cittadino -, tutte le cose che ho detto sono state oscurate, totalmente ignorate. Giletti ha mandato soltanto uno spezzone di tre minuti per dare spazio ad una domanda del suo inviato. E cioè mi è stato chiesto se volessi sconfessare o no la voce di un tizio che dice che tramite un non meglio precisato personaggio vicino all’Amministrazione, e quindi a me, avrei fatto sapere a Salvatore Battaglia che se non si schiererà più in piazza a difesa delle sorelle Napoli gli avrei fatto avere un posto di lavoro in un’azienda che si è insediata nel nostro territorio“.

Giardina rimanda al mittente le accuse: “Ma figurarsi. Ho subito smentito e uscito dalla conferenza stampa sono andato a denunciare questa situazione ai carabinieri. È possibile che in una conferenza stampa di due ore dove, ripeto, ho risposto a tutte le accuse mossemi da Giletti, fosse solo questa la notizia?. Ma tant’è. Questo è il trattamento che ci viene riservato dal copione costruito“.

Ormai gli obiettivi di Giletti sono due – dice il sindaco – Difendere le sorelle Napoli e ‘massacrare’ il sindaco di Mezzojuso perché ‘non poteva non sapere e si è girato la testa dall’altra parte per 5 anni’. Ho detto a Giletti più volte che prima dell’articolo di Palazzolo su “Repubblica” non conoscevo la vicenda nella sua reale gravità. Ma lui, senza uno straccio di prova, insiste nel dire da quasi un anno che dovevo sapere per forza“.

Giardina rincara la dose: “Mentre prima c’era un solo bersaglio, i presunti estorti delle Napoli, che vanno cercati e finalmente presi e condannati dopo cinque anni di denunce – afferma  -, ora ci sono anche io e di conseguenza l’intera comunità che, non è una mia invenzione, viene vista, dalla gran parte degli italiani, grazie ai suoi servizi giornalistici, come omertosa, collusa, ecc, ecc. Con un danno di immagine per noi gravissimo sia per il paese che per i cittadini“.

Ma Giardina non si ferma qui: “E veniamo alla seconda disinformazione di ieri sera – prosegue -. Nel pomeriggio di ieri si è tenuta un’assemblea molto partecipata dell’Amministrazione comunale per discutere ancora del caso delle sorelle Napoli. Giletti ha mandato in onda un breve spezzone dove si vede il sindaco dire a Lupo che non può entrare e lui ad insistere nel volere entrare. E viene fuori l’immagine di un sindaco contro i giornalisti che chissà cosa aveva da nascondere. In realtà si voleva tenere solamente una normale assemblea con i cittadini senza la presenza costante di una telecamera addosso“.

Il sindaco fornisce la propria interpretazione: “Giletti fa vedere solo questa scenetta di Lupo – ripercorre – che vuole entrare ed il sindaco dice no. Si trasmette quindi il messaggio che il suo inviato fosse rimasto fuori per la solita cattiveria del sindaco. Invece, dopo quel diverbio iniziale, a Lupo viene concesso di entrare, partecipa all’assemblea e riprende tutto il dibattito dove sono state dette anche cose importanti e vere notizie regolarmente tutte ignorate dalla trasmissione andata in onda. Non rispondenti al copione, quindi nemmeno una sola parola“.

Infine, Giardina conclude: “Ma siamo fiduciosi che la realtà vera, e non quella che rappresenta Giletti, per quanto mi riguarda, prima o poi verrà fuori. Speriamo quando l’immagine del paese non sarà definitivamente distrutta“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin