Sos Ballarò, cancellate le scritte dalle vie in arabo ed ebraico. "Gesto di ignoranza contro i migranti" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia: vernice sui cartelli della via SS 40 Martiri

Sos Ballarò, cancellate le scritte dalle vie in arabo ed ebraico. “Gesto di ignoranza contro i migranti”

3 Aprile 2017

Piazza SS 40 Martiri - BallaròCancellate a piazza SS 40 Martiri, nel pieno Centro storico di Palermo, ed a pochi metri dal centro Astalli, storico luogo di accoglienza per migranti, le indicazioni dei nomi delle vie in arabo ed in ebraico che accompagnavano quelle in italiano.

“Un grave atto rivolto a chi in questo quartiere ed in questa città – dicono i ragazzi che fanno parte dell’assemblea di quartiere Sos Ballarò, che ieri si sono accorti del fatto – si occupa quotidianamente di accoglienza e a chi continua a credere nella ricchezza di una identità multiculturale che appartiene da secoli alla nostra città”. Si cercano subito soluzioni: “Questo gesto di profonda ignoranzaaggiungono -non può passare inosservato e proprio per questo Sos Ballarò si farà carico insieme a tutti coloro che continuano a credere in una Palermo ancora modello di accoglienza, in piena linea con la sua lunga storia, di organizzare una immediata risposta per rendere chiaro che questo tipo di gesti non hanno e non avranno mai cittadinanza in questa città”.

 

Anche l’associazione Retake Palermo ha espresso la sua condanna al gesto: “Qui siamo oltre il vandalismo: cancellare scientemente i nomi delle vie in ebraico e arabo significa lanciare un preciso messaggio che non si può tollerare. Occorre agire subito e riportare quelle targhe al loro stato originale”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona