Sos cani randagi, il grande freddo fa strage di cuccioli | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Morta la cagnetta Lilli in un piccolo centro delle Madonie

Sos cani randagi, il grande freddo fa strage di cuccioli

di
11 Gennaio 2017
cane-neveC’è anche Lilli tra le vittime delle decine di cani randagi che non sono riuscite a superare il grande freddo di questi giorni. Lilli, così veniva chiamata dagli abitanti di un piccolo centro delle Madonie, era riuscita con i suoi modi affettuosi ad abbattere il muro di diffidenza che di solito le persone nutrono nei confronti degli animali randagi. Tanto che molto spesso riceveva da questi qualche ciotola di cibo e acqua. Vivere fuori all’addiaccio, però, senza il conforto di un riparo sicuro, è davvero difficile, anche per chi è abituato a stare per strada. Lilli non ce l’ha fatta, l’hanno trovata stamani senza vita riversa per terra.

Sono almeno 650 i cani morti di fame e di freddo nel sud Italia, in particolare nelle regioni del centro sud (Molise, Lazio e Abruzzi), diverse decine di decessi si segnalano anche nelle zone montane della Basilicata e della Calabria. Altri casi sono segnalati dalle zone montane della Campania ed in Sicilia. Lo scrive in un comunicato la ong ambientalista Aidaa (Associazione italiana difesa animali ed ambiente).

“Abbiamo anche segnalazioni di gatti trovati morti nelle stesse zone, ma, a differenza dei cani, non è possibile avere al momento una stima perlomeno attendibile – ci dice Lorenzo Croce, presidente di AIDAA -. Quello che chiediamo, specialmente nelle zone ad alta concentrazione di randagismo, è di mettere del cibo, preferibilmente croccantini e acqua calda, per poter sfamare e dissetare i randagi, gatti o cani che siano”.
“Infine – conclude Croce – rivolgiamo ancora l’appello a chi ha stalle o garage, in città come in campagna, a lasciarli aperti, affinché i randagi possano trovare giusto riparo, specialmente in queste fredde notti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin