SOS Sicilia: il calcio siciliano è in crisi fra società nei guai e spending review forzata :ilSicilia.it
Palermo

ANALISI DEL MOMENTO ECONOMICO - FINANZIARIO

SOS Sicilia: il calcio siciliano è in crisi fra società nei guai e spending review forzata

di
5 Giugno 2019

Il calcio siciliano è in crisi. Lo dicono i fatti e lo sottolineano le dichiarazioni degli stessi addetti ai lavori. La necessità di mantenere un certo equilibrio economico – finanziario e la mancanza di liquidità spingono le società sportive siciliane  ad una politica di austerity e di spending review contraria agli investimenti necessaria per sviluppare un progetto sportivo vincente.

Partendo in ordine di categoria, il Palermo calcio è alla prese con la pianificazione della prossima stagione, dopo essere scampato al pericolo Serie C prospettato dalle aule giudiziarie della FIGC in primo grado. In casa rosanero cambierà molto, sia per esigenze di bilancio che per necessità tecnico – sportive. Il calciomercato non è ancora partito ma Mato Jajalo ha già salutato Boccadifalco, approdando all’Udinese con la firma di un triennale con la società friulana.

Cambio anche in panchina, con Delio Rossi che non ha trovato l’accordo con il management rosanero. Secondo quanto riferito ai microfoni di Gds da Salvatore Tuttolomondo, entro la fine di questa settimana si scoprirà il nome del prossimo allenatore rosanero.

Certamente da tale scelta si capirà molto delle prospettive e delle possibili ambizioni della nuova società, che avrà un primo banco di prova nella costruzione della prossima stagione. Si punterà molto sul blocco dei giovani palermitani, ma la Serie B è un campionato in cui l’esperienza e l’astuzia giocano un ruolo importante, imponendo quindi alla società di Viale del Fante investimenti seri se si vuol davvero puntare alla promozione nella prossima stagione.

I tifosi intanto aspettano, tra il serio e il faceto, fra la speranza di futuri successi e il dubbio di un altro buco nell’acqua. Il ripianamento del bilancio, alla luce anche della presenza del curatore nominato dal Tribunale di Palermo per tutelare gli interessi della società rosanero, impone prudenza e spending review. Non sarà facile quindi costruire una rosa competitiva.

Il caso più critico è sicuramente quello del Siracusa, che rischia sul serio di non iscriversi al prossimo campionato di Serie C. Film già visto nella città aretusea, ma che i tifosi e lo stesso presidente Giovanni Alì sperano di scongiurare. Attraverso i canali ufficiali della società siracusa, l’AD azzurro Nicola Santangelo ha così dipinto il quadro attuale della situazione: “Dopo settimane intense di trattative con molti imprenditori locali, ad oggi non abbiamo ricevuto nessun segnale concreto di partecipazione attraverso nuovi soci e Sponsor. Per quanto suddetto non possiamo affrontare la nuova stagione da soli, come è avvenuto per la stagione appena conclusa, e per tanto se la situazione rimane tale, ritengo che non ci siano le condizioni necessarie per poter continuare e quindi per iscrivere la squadra e tanto meno affrontare un campionato molto competitivo come quello del prossimo torneo. La terza serie nazionale deve essere un orgoglio per la città, la sua provincia, l’intero territorio. Serve un coinvolgimento totale, da parte di tutte le forze istituzionali, imprenditoriali e sportive, e quindi rimaniamo fiduciosi, sperando che possano arrivare segnali concreti e positivi per poter proseguire il percorso iniziato“. Il termine ultimo per completare le procedure per iscriversi al campionato è fissato per il 24 Giugno, data entro la quale il Siracusa calcio dovrà risolvere tutti i suoi problemi.

Non se la passano meglio i tifosi del Trapani, nonostante la finale play-off conquistata a spese del Catania. I tifosi granata infatti sono alle prese con la messa in mora della società da parte dei giocatori, i quali si dichiarano delusi dal comportamento della società trapanese che, a loro dire, non ha onorato gli impegni presi. Attraverso un comunicato emanato dall’AIC (Associazione Italiana Calciatori), i giocatori granata hanno messo nero su bianco la loro posizione: “Nel corso degli ultimi due mesi, l’attuale proprietà ha più volte disatteso le promesse relative al regolare pagamento delle retribuzioni. In particolare, sia verbalmente che a mezzo stampa, l’attuale Amministratore ci ha illuso con molteplici rassicurazioni in merito, che, alla prova dei fatti, hanno trovato solo tristi smentite. L’apice delle smentite, purtroppo, si è raggiunto nella giornata di venerdì 31 maggio – termine, peraltro, indicatoci dall’attuale proprietà per il pagamento delle retribuzioni del mese di marzo e aprile 2019 – allorquando, non senza disappunto, abbiamo potuto verificare come solo un piccolo gruppo dei componenti della rosa abbia ricevuto lo stipendio di marzo, rimanendo impagato per tutti quello di aprile. A questo punto, stante l’insostenibilità della situazione, tramite l’Assocalciatori, la squadra tutta ha formalmente messo in mora la Società al pagamento delle retribuzioni dovute, nelle forme previste dall’art. 17 dell’Accordo Collettivo AIC – Lega Pro – FIGC.”. I calciatori hanno tenuto a precisare che scenderanno in campo  al massimo delle proprie possibilità, cercando di regalare ai propri tifosi la promozione in Serie B nella prossima doppia sfida promozione contro il Piacenza.ù

La società del Trapani Calcio, attraverso una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito, ha così risposto al comunicato dell’AIC relativo alla messa in mora: ” Fin dal proprio insediamento, la Proprietà ha sempre ottemperato e rispettato tutte le scadenze federali in calendario, tra cui quella dello scorso 18 marzo. Relativamente alla messa in mora arrivata nella tarda mattinata del 3 giugno, nelle tempistiche e nella forma inspiegabili (la Società ha venti giorni di tempo per ottemperare al “lamentato”), si sottolinea che l’amministratore delegato del Trapani Calcio ha cominciato ad elargire gli emolumenti relativi al mese di marzo 2019 dal lunedì antecedente la doppia sfida play-off contro il Catania; attualmente solo sei calciatori professionisti della Prima Squadra non hanno ricevuto la retribuzione di marzo 2019 e le stesse saranno corrisposte a breve come comunicato venerdì scorso ai rappresentanti della squadra. L’Amministratore Delegato del Trapani Calcio si sta adoperando per anticipare il più possibile l’iter di iscrizione da rispettare entro il 24 giugno, secondo le attuali normative federali e avrebbe gradito il non prolungarsi di strumentalizzazioni rivolte esclusivamente a screditare continuamente questa Proprietà.“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.