Sospesi gli account Twitter di Abu Qatada e altre figure chiave di al-Qaida :ilSicilia.it

Twitter, da qualche tempo, sta duramente attaccando tutti gli account affiliati all'Isis

Sospesi gli account Twitter di Abu Qatada e altre figure chiave di al-Qaida

di
27 Dicembre 2016

Il social network Twitter ha sospeso gli account del religioso giordano e leader spirituale di al-Qaida, Abu Qatada, e di altre due influenti allievi affiliati al gruppo terroristico. I tre account, molto attivi e seguiti da decine di migliaia di utenti, erano il cuore del network dei supporter del gruppo, questo quanto riferito da Cole Bunzel, studioso del jihadismo alla Princeton University.

Attaccare l’occidente non era una priorità nei loro messaggi, gli account si concentravano principalmente sul conflitto siriano, attaccando lo Stato Islamico ma spaziando anche verso argomenti legati alle leggi o alla religione.

Twitter, già da qualche tempo, sta duramente attaccando tutti gli account affiliati all’Isis, costringendoli ad utilizzare metodi di comunicazione alternativi come, ad esempio, Telegram, ma fino ad ora non vi era stato un attacco così massiccio anche ai simpatizzanti di al-Qaida.

La società non può commentare sui singoli account per ragioni di privacy e sicurezza ma un portavoce ha dichiarato: “Condanniamo l’uso di Twitter per promuovere il terrorismo, le regole riguardo questo tipo di comportamento o condotta violenta sono chiare e non sono permesse sul nostro servizio. Dalla metà del 2015 abbiamo sospeso più di 360,000 account per condotta minaccioso o per aver promosso atti terroristici, soprattutto legati all’Isis“.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin