Sospetto caso di coronavirus a Palermo, trentenne trovato morto in casa :ilSicilia.it
Palermo

nei giorni scorsi si era recato in ospedale per una congiuntivite

Sospetto caso di coronavirus a Palermo, trentenne trovato morto in casa

2 Aprile 2020

Un giovane di 30 anni è morto in casa, in corso Calatafimi a Palermo. Sono intervenuti i sanitari del 118 per cercare di soccorrerlo ma  per lui non c’è stato nulla da fare.

I familiari hanno raccontato che lo scorso 31 marzo il trentenne si era recato all’ospedale Civico di Palermo. Aveva una fastidiosa congiuntivite. Era stato visitato e rimandato a casa con una cura per la malattia agli occhi. Nei giorni successivi la condizione è peggiorata e sono iniziati anche i problemi respiratori.

Il pm di turno ha disposto ai sanitari dell’Asp di eseguire il tampone per accertare se fosse positivo al Covid 19.

La salma è stata portata alla medicina legale del Policlinico per eseguire l’autopsia. Le indagini sono condotte dalla polizia.

Sembrerebbe che in ospedale fossero stati eseguiti tutti i controlli e che il paziente era stato mandato, per una visita di controllo, in oculistica per la congiuntivite poiché non vi era alcuna avvisaglia di problemi respiratori nella visita effettuata al pronto soccorso.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.