Scuola: più posti di ruolo sul sostegno in Sicilia, la sentenza del Tar | Video :ilSicilia.it

A partire dal prossimo anno scolastico

Scuola: più posti di ruolo sul sostegno in Sicilia, la sentenza del Tar | Video

8 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

Saranno circa 2.000 i posti in deroga sul sostegno che l’Ufficio scolastico regionale della Sicilia dovrà trasformare in posti di ruolo per il prossimo anno scolastico 2019/2020. E’ quanto si evince dalla sentenza del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso di alcuni docenti, patrocinato dal sindacato Anief e sostenuto dalle associazioni First, Moto Perpetuo Onlus e Venti Novembre 1989. Nell’Isola ci sono 27.000 studenti disabili affidati a 11.506 insegnanti di ruolo e 7.000 precari. Un numero, quest’ultimo, troppo alto che non tiene conto dei reali bisogni.

“Attivando annualmente un numero veramente esiguo di posti di sostegno – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal il Miur vanifica non solo l’efficacia dell’azione didattica, ma anche l’effettiva possibilità per l’alunno disabile di poter essere seguito con costanza e per tutto il ciclo scolastico dallo stesso docente, come, invece, sarebbe suo pieno diritto”.

In particolare i giudici contestano la quantificazione dei posti fatta dall’Usr degli organici di diritto, ovvero degli insegnanti a tempo indeterminato, perchè rideterminata sulla base dei dati relativi all’anno scolastico 2006/2007. “In una lettura costituzionalmente orientata della disposizione a tutela dello studente disabile – scrivono – spetta alla amministrazione di acquisire i dati onde realizzare quanto proprio il comma 413 richiamato prevede, vale a dire individuando criteri e modalità con riferimento alle effettive esigenze rilevate, assicurando lo sviluppo dei processi di integrazione degli alunni diversamente abili anche attraverso opportune compensazioni tra province diverse in modo da non superare un rapporto medio nazionale di un insegnante ogni due alunni diversamente abili”.

Tutto questo si dovrebbe tradurre, quindi, in nuove immissioni in ruolo per le quali la segretaria regionale della Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, auspica delle fasi ordinate di mobilità, anche prevedendo un piano straordinario, in primis per garantire il rientro di tutti i docenti specializzati siciliani (circa 2.600) che da anni lavorano con le assegnazioni provvisorie sugli stessi posti in organico di fatto. Quindi procedere con le assunzioni dei docenti precari specializzati presenti nelle graduatorie e con l’avvio dei corsi di specializzazione per nuovi docenti specializzati data la mancanza di tale personale anche nella nostra regione”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.