Scuola: più posti di ruolo sul sostegno in Sicilia, la sentenza del Tar | Video :ilSicilia.it

A partire dal prossimo anno scolastico

Scuola: più posti di ruolo sul sostegno in Sicilia, la sentenza del Tar | Video

di
8 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

Saranno circa 2.000 i posti in deroga sul sostegno che l’Ufficio scolastico regionale della Sicilia dovrà trasformare in posti di ruolo per il prossimo anno scolastico 2019/2020. E’ quanto si evince dalla sentenza del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso di alcuni docenti, patrocinato dal sindacato Anief e sostenuto dalle associazioni First, Moto Perpetuo Onlus e Venti Novembre 1989. Nell’Isola ci sono 27.000 studenti disabili affidati a 11.506 insegnanti di ruolo e 7.000 precari. Un numero, quest’ultimo, troppo alto che non tiene conto dei reali bisogni.

“Attivando annualmente un numero veramente esiguo di posti di sostegno – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal il Miur vanifica non solo l’efficacia dell’azione didattica, ma anche l’effettiva possibilità per l’alunno disabile di poter essere seguito con costanza e per tutto il ciclo scolastico dallo stesso docente, come, invece, sarebbe suo pieno diritto”.

In particolare i giudici contestano la quantificazione dei posti fatta dall’Usr degli organici di diritto, ovvero degli insegnanti a tempo indeterminato, perchè rideterminata sulla base dei dati relativi all’anno scolastico 2006/2007. “In una lettura costituzionalmente orientata della disposizione a tutela dello studente disabile – scrivono – spetta alla amministrazione di acquisire i dati onde realizzare quanto proprio il comma 413 richiamato prevede, vale a dire individuando criteri e modalità con riferimento alle effettive esigenze rilevate, assicurando lo sviluppo dei processi di integrazione degli alunni diversamente abili anche attraverso opportune compensazioni tra province diverse in modo da non superare un rapporto medio nazionale di un insegnante ogni due alunni diversamente abili”.

Tutto questo si dovrebbe tradurre, quindi, in nuove immissioni in ruolo per le quali la segretaria regionale della Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, auspica delle fasi ordinate di mobilità, anche prevedendo un piano straordinario, in primis per garantire il rientro di tutti i docenti specializzati siciliani (circa 2.600) che da anni lavorano con le assegnazioni provvisorie sugli stessi posti in organico di fatto. Quindi procedere con le assunzioni dei docenti precari specializzati presenti nelle graduatorie e con l’avvio dei corsi di specializzazione per nuovi docenti specializzati data la mancanza di tale personale anche nella nostra regione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin