Sottopassi allagati a Palermo, Ferrandelli attacca: "La lezione non è servita, Comune fermo" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Operai al lavoro per far defluire l'acqua

Sottopassi allagati a Palermo, Ferrandelli attacca: “La lezione non è servita, Comune fermo” | FOTO

di
22 Novembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Piove da ieri notte in provincia di Palermo, dove la Protezione civile ha diramato l’allerta arancione. Gli agenti della polizia municipale e i vigili del fuoco segnalano allagamenti lungo la zona di viale Regione Siciliana. L’asse che collega l’autostrada Palermo Catania alla Palermo-Mazara del Vallo è stata chiusa alle sei da Corso Calatafimi a via Belgio per alcuni allagamenti nei sottopassi.

Al momento restano chiusi quello di viale Lazio, dove la Rap sta cercando di fare defluire l’acqua, e quello di via Belgio, per proteggere il lavoro degli operai ed evitare che qualche automobilista possa creare pericolo ai lavoratori.

E’ stata chiusa al traffico anche la via Imera e allagamenti si registrano come sempre a Mondello, nella zona degli ospedali Civico e Policlinico, nei pressi dello svincolo dell’autostrada Palermo Mazara del Vallo per Tommaso Natale e nei pressi di Carini.

Traffico rallentato anche nella zona Industriale di Palermo e nel sottopassaggio Guarnaschelli. Anche il traffico ferroviario con l’aeroporto ha subìto qualche ritardo, solo verso le 9.40 i treni hanno ripreso a circolare regolarmente.

SOTTOPASSI viale regione allagati 15.07.2020, Ferrandelli
Ferrandelli (alluvione del 15.07.2020)

L’ATTACCO DI FERRANDELLI

«Stamane viale Regione Siciliana si è svegliata così! Le immagini (FOTO IN ALTO) me le invia la donna che, il quel tremendo giorno di luglio ha soccorso me e le mie figlie. La testa velocemente ripercorre le immagini di quella tremenda e dolorosa alluvione. E penso che quella lezione non sia servita, che la fortuna di averla scampata non abbia insegnato nulla ad una Amministrazione ferma». 

Lo scrive su Facebook Fabrizio Ferrandelli, leader dell’opposizione in Consiglio Comunale, che lo scorso 15 luglio rischiò di rimanere vittima con la sua famiglia dell’alluvione che colpì Palermo.

«Dalla Regione mi dicono che ad oggi, il Comune di Palermo non abbia ancora inviato la relazione utile a richiedere lo stato di calamità, nonostante le nostre continue sollecitazioni. W Palermo, S.Rosalia e il 2022 ormai sempre più alle porte», conclude.

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: cancellata la spiaggia di Mondello, trombe marine e sottopassi allagati | VIDEO

Il maltempo piomba su Palermo, allagamenti in diverse zone | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin