16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.36
Palermo

l'intervento del capogruppo del Mov139

Sottopasso via Crispi pericoloso e villaggio Santa Rosalia nel degrado, Terrani: “Si intervenga subito” | Foto e Video

25 Agosto 2019
'
'
'
'
'

 

Guarda in alto le foto

Una città da tempo abbandonata dal Centro alle periferie senza alcuna distinzione a farne le spese principalmente i residenti dei vari quartieri che giornalmente denunciano i disagi con cui ormai convivono.

Sandro TerraniHo iniziato a verificare di persona lo stato di degrado in cui versano le periferie, proprio partendo dal Villaggio Santa Rosalia dove insieme ai cittadini residenti abbiamo svolto dei sopralluoghi, ed in effetti c’è bisogno di interventi radicali, che passano dalla cura del verde, al diserbo, alla potatura degli arbusti, al ripristino delle sedi stradali e agli impianti d’illuminazione“, afferma Sandro Terrani, capogruppo del Mov139.

C’è tanto da fare a Palermo, sicuramente utile il piano di coordinamento di tutte le società partecipate voluto dall’Amministrazione, con la quale stiamo mettendo in cantiere altri interventi da effettuare entro la prossima settimana“, aggiunge Terrani.

Pericolosa la situazione del sottopasso di via Francesco Crispi, luogo di transito e punto di snodo importante per la città, dove dal 7 maggio vi è una recinzione che restringe parte della carreggiata per il pericolo di caduta calcinacci, ma da maggio ancora non è stato ripristinato.

A sollecitarne gli interventi sempre Sandro Terrani che in un video mostra la situazione di pericolo per gli automobilisti che transitano da quella strada “Intervento senza alcun dubbio indispensabile quello del ripristino del muro di contenimento le sottopasso di via Francesco Crispi. Ho più volte più volte ricevuto delle sollecitazioni da parte dei cittadini e ritengo che l’Amministrazione comunale debba intervenire immediatamente, anche perché ci stiamo avvicinando all’apertura delle scuole per cui ci ritroveremo con una carreggiata stretta per cui si potrebbero verificare problemi di traffico veicolare, considerato che è l’arteria più trafficata di Palermo insieme a quella di viale Regione siciliana“, spiega Terrani.

Tra l’altro ci sono problemi di sicurezza per gli autoveicoli in transito poiché il transennamento con nastro alta visibilità è stato completamente scardinato. Dal 7 maggio non è stato fatto nessun intervento, ho già parlato col sindaco e vicesindaco per sollecitare gli interventi“, conclude Terrani.

Guarda il video in basso

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.