15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.17

Appuntamento 16 dicembre

“Soundtracks Project”: al Teatro Santa Cecilia di Palermo si presenta il nuovo album dei Metamorphosis

10 Dicembre 2018

Domenica 16 dicembre alle 21 al Teatro Santa Cecilia di Palermo si presenta “Soundtracks Project”, il nuovo album dei Metamorphosis, nato da un’idea del violinista italiano e virtuoso Franco Mezzena, che vede la partecipazione della trombettista palermitana Marianna Musotto e del pianista Stefano Giavazzi.

Sul palco, suoneranno Franco Mezzena al violino, Marianna Musotto alla tromba, accompagnati dai musicisti palermitani Alessandro Greco al pianoforte e Federico Mordino alle percussioni. A presentare la serata sarà il giornalista Alberto Samonà. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Marianna Musotto
Marianna Musotto

“Soundtracks Project” è un progetto crossover che unisce tradizione e modernità, che vede nella riproposizione delle colonne sonore dei più grandi film della storia del cinema, la presenza di una formazione prettamente cameristica. Hanno suonato nel disco: Franco Mezzena al violino, Marianna Musotto alla tromba, Stefano Giavazzi al pianoforte, Michele Colaci al basso e Alessandro Monteduro alle percussioni.

Prodotto dalla Corrado Productions di Lecce e da Luna Rossa Classic, l’album contiene nove brani strumentali: “Beautiful that way” (La vita è bella), Nuovo Cinema Paradiso, “Moon River” (Colazione da Tiffany), “The way we here” (Come eravamo), Il Padrino, “Besame mucho”, “My heart will go on” (Titanic), “What a feeling” (Flashdance), “Over the rainbow” (Il mago di Oz) rivisitati e arrangiati con l’ausilio di: violino, tromba, pianoforte, contrabbasso e percussioni. L’album è già disponibile su tutti i digital stores e le piattaforme streaming di ascolto.

È un progetto che avevo in mente da tempo”, racconta Franco Mezzena dopo il suo recente successo ottenuto alla Carnegie Hall di New York interpretando il Concerto Op. 64 di Mendelssohn, con la direzione di John Rutter.

Un progetto realizzato con la giusta combinazione artistica e umana trovata dopo tempo, che vede la collaborazione della giovane trombettista siciliana Marianna Musotto e del pianista Stefano Giavazzi, Michele Colaci al basso e Alessandro Monteduro alle percussioni, grazie allo splendido lavoro di Ermanno Corrado che ne ha curato gli arrangiamenti”, conclude.

Scrive Mezzena di Marianna Musotto: “Marianna Musotto è un eccellente trombettista. Oltre al talento indescrivibile, l’ho scelta come partner per la bellezza del suo suono. Ha una varietà davvero straordinaria di dinamiche che la pone ai vertici della sua categoria“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.