Souvenir: esposizione e performance di pittura a Palermo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

1, 2 e 3 novembre 2019, dalle 18 alle 22 a Piazza Rivoluzione

Souvenir: esposizione e performance di pittura a Palermo | FOTO

di
30 Ottobre 2019
Daniela Balsamo
Igor Scalisi Palminteri

SCORRI LE FOTO IN ALTO

In occasione de “Le Vie dei Tesori – Itinerario Contemporaneo a cura di Paola Nicita”, nei giorni 1, 2 e 3 novembre 2019, dalle 18:00 alle 22:00 a Piazza Rivoluzione, Arèa presenta “Souvenir – Esposizione e performance di pittura” di Daniela Balsamo e Igor Scalisi Palminteri, a cura di Giovanni Lo Verso. 

Il Souvenir tiene memoria dell’esperienza vissuta, ricordando luoghi, persone ed emozioni. Palermo, anno dopo anno, è diventata sempre più ambita e affollata da turisti di ogni parte del mondo, trasformandosi velocemente in una metropoli dove il tradizionale e il contemporaneo si fondono con nuovi volti e suoni, ma dove i simboli della cultura popolare vengono rappresentati e commercializzati selvaggiamente in ogni angolo del Terzo centro storico più grande d’Europa con souvenir, street food e boutique.

Daniela Balsamo, una delle più intense e passionali pittrici dello scenario iperrealista palermitano, racconterà la sua visione dell’evoluzione naturale di una città che finalmente si apre al mondo, dando nuovi significati a quei simboli, quei souvenir e quel cibo commercializzati per continuare ad amare questa città, in cui spesso non si riconosce,  per riuscire a cambiare insieme a lei.

Igor Scalisi Palminteri, noto a tutti per i suoi santi nei muri di Palermo e d’intorni, esporrà la sua visione della nostra terra, attraverso una performance in cui verrà mostrata e realizzata una carrellata di ritratti di palermitani, vero cuore pulsante della città, e di chiunque vorrà farsi avanti, i quali ruoteranno attorno ad un grande volto di una donna che personifica la Città.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.