Souvenir: esposizione e performance di pittura a Palermo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

1, 2 e 3 novembre 2019, dalle 18 alle 22 a Piazza Rivoluzione

Souvenir: esposizione e performance di pittura a Palermo | FOTO

30 Ottobre 2019
Daniela Balsamo
Igor Scalisi Palminteri

SCORRI LE FOTO IN ALTO

In occasione de “Le Vie dei Tesori – Itinerario Contemporaneo a cura di Paola Nicita”, nei giorni 1, 2 e 3 novembre 2019, dalle 18:00 alle 22:00 a Piazza Rivoluzione, Arèa presenta “Souvenir – Esposizione e performance di pittura” di Daniela Balsamo e Igor Scalisi Palminteri, a cura di Giovanni Lo Verso. 

Il Souvenir tiene memoria dell’esperienza vissuta, ricordando luoghi, persone ed emozioni. Palermo, anno dopo anno, è diventata sempre più ambita e affollata da turisti di ogni parte del mondo, trasformandosi velocemente in una metropoli dove il tradizionale e il contemporaneo si fondono con nuovi volti e suoni, ma dove i simboli della cultura popolare vengono rappresentati e commercializzati selvaggiamente in ogni angolo del Terzo centro storico più grande d’Europa con souvenir, street food e boutique.

Daniela Balsamo, una delle più intense e passionali pittrici dello scenario iperrealista palermitano, racconterà la sua visione dell’evoluzione naturale di una città che finalmente si apre al mondo, dando nuovi significati a quei simboli, quei souvenir e quel cibo commercializzati per continuare ad amare questa città, in cui spesso non si riconosce,  per riuscire a cambiare insieme a lei.

Igor Scalisi Palminteri, noto a tutti per i suoi santi nei muri di Palermo e d’intorni, esporrà la sua visione della nostra terra, attraverso una performance in cui verrà mostrata e realizzata una carrellata di ritratti di palermitani, vero cuore pulsante della città, e di chiunque vorrà farsi avanti, i quali ruoteranno attorno ad un grande volto di una donna che personifica la Città.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.