Spaghetti tagliati, "pizziati", con zucchine in umido | LA RICETTA :ilSicilia.it

Un primo piatto della tradizione contadina

Spaghetti tagliati, “pizziati”, con zucchine in umido | LA RICETTA

di
26 Agosto 2019

Cari i miei Watson, la vostra Patti Holmes, in una fase di grande bontà, soprattutto culinaria, non vuole farvi scervellare con indizi e indagini, ma coccolarvi con un primo piatto della saporita e genuina tradizione contadina, gli spaghetti tagliati con zucchine in umido, che vi riporterà alle origini.

Zucchina lungaProtagonista assoluta è la zucchina lunga, frutto di una pianta rampicante di cui si mangiano anche i Tenerumi, con cui si fa un’ottima pasta di cui abbiamo già scritto, che rispecchia l’infinità di modi in cui può essere cucinata con altrettanti nomi: cucuzza longa, cucozza, cucuzzella, zucca serpente di Sicilia, zucca verde, lagenaria da pergolazucchina d’acqua. La sua polpa è molto tenera e porosa; il suo colore è verde pallido ed è preferibile mangiarla quando è ancora giovane (40 cm. di lunghezza circa) perché, crescendo, rischia di diventare fibrosa e riempirsi, al suo interno, di semi. Altro particolare che vi farà felice è che l’apporto calorico è molto basso in quanto contiene acqua fino al 90%, pochi carboidrati, grassi e proteine e, quindi, potete farne grandi scorpacciate senza sensi di colpa. La sua forma è stretta e lunga e può arrivare fino a 2 metri ma, mentre nella coltivazione a pergola presenta una forma allungata, in quella a terra, una forma ricurva e a serpentello.

La si potrebbe definire un ortaggio estivo in quanto il suo periodo top va da giugno a settembre. La ricetta che vi proponiamo è tanto gustosa, quanto semplice e, oltre dai grandi, sarà amata dai più piccini che di solito, se potessero, con una magia farebbero scomparire le verdure dalla faccia della terra. Bando alle ciance e scaldiamo i fornelli.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di spaghetti tagliati
  • 1 zucchina lunga
  • 300 g pomodoro pelato
  • 1 cipolla
  • olio
  • sale q.b
  • pepe o peperoncino

Procedimento:

1. In un tegame fate un soffritto di cipolla e, quando è appena rosolata, aggiungete la zucchina tagliata a dadini e i pomodori pelati a pezzettoni.

2. Aggiustate di sale, fate rosolare e coprite con acqua calda.

3. Quando vedrete sobbollire la zucchina, abbassate la fiamma e fate cuocere dolcemente.

4. Per capire se è pronta, dovrà risultare morbida, pungetene un tocchetto con la forchetta.

5. Cuocete gli spaghetti tagliati in acqua bollente salata e quando sono cotti, lasciandoli umidi, aggiungeteli al condimento e spolverizzate di pepe o peperoncino a piacimento.

6. Per completare, un filo di olio a crudo e, per chi lo ama, grana grattugiato.

Che il gusto sia con voi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.