Spazio Franco: al via l'anteprima della rassegna teatrale "Scena Nostra" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Dal 3 novembre al 30 dicembre

Spazio Franco: al via l’anteprima della rassegna teatrale “Scena Nostra” | VIDEO

2 Novembre 2018

Guarda il video in alto

Un anticipazione della rassegna “Scena Nostra“, con spettacoli di teatro d’avanguardia siciliano, si svolgerà allo Spazio Franco, luogo promozione che sul dictat del “rimanere liquidi” accoglie sette produzioni “nostrane”.

Dal 3 novembre al 30 dicembre saranno 7 gli spettacoli che si alterneranno, anticipando la rassegna definitiva che prenderà il via nel 2019 in collaborazione con la rete Latitudini.

elleAprirà, il 3 novembre con replica il 4, “Elle life show” della Compagnia Quartiatri che torna sulle scene con il progetto vincitore del Premio Città Laboratorio promosso dal Comune di Palermo e dal Teatro Biondo.

Elle” è una riflessione amara sul mito dell’individualismo occidentale, un life show costruito a doppio binario tra il testo teatrale “La chiave dell’ascensore” di Àgota Kristóf e una drammaturgia originale sui rapporti di potere e l’incontro con l’altro.

Seguirà, il 16 e 17, “Con tutto il mio Amare” di Gabriele Cicirello, già presentato quest’estate alle Orestiadi. Una storia di dolore e di speranza che attinge alla realtà palermitana: un giovane padre si ritrova a vivere all’interno di un tunnel illuminato a tratti dalla speranza di ritrovare sua figlia, persa una domenica mattina a Mondello. Con Federica Aloisio, Valeria Sara Lo Bue e lo stesso Cicirello.

Il 23 novembre spazio allo spettacolo “Volver” realizzato con il progetto MigrArti.

Il 28, repliche il 29 e 30 novembre, ritornerà in scena “La Prima”, regia di Filippo Luna che ha adattato un testo dell’avvocato Annalisa Bianchini. A confronto, madre e figlia, per tentare di sciogliere grumi di dolore mai elaborati; in scena Chiara Muscato e Manuela Ventura. Musiche di Serena Ganci.

A dicembre, il 16 e 17  uno spettacolo per ragazzi e famiglie, “(una) Regina” di Quintoequilibrio, progetto finalista al Premio Scenario Infanzia e in residenza allo Spazio Franco, è una storia dedicata ai bambini.

gisella vitrano
Gisella Vitrano

Due sorelle guardano fuori dalla finestra: per combattere la noia inventeranno una fiaba che le trasporterà indietro nel tempo, quando il destino era scritto nel nome con cui nascevamo. Di e con Stefania Ventura e  Gisella Vitrano.

Il 19 e 20 dicembre sarà la volta di “Un’ora tutta per me”, che sposta l’attenzione verso i linguaggi del teatrodanza. La coreografa e danzatrice Simona Argentieri e il regista Giuseppe Provinzano tessono un doppio filo che lega movenze e palcoscenico, per raccontare il mondo delle prostitute, specchio deformante della società contemporanea, che abbraccia tutte le donne senza escluderne nessuna.

Lo spettacolo è vincitore del premio “Forme originali di divulgazione del teatro contemporaneo” indetto dal MiBACT.

dimartino-cammarata

Chiuderà l’Anteprima della rassegna, il 28 e 29 dicembre, “Un mondo raro”, adattamento per la scena del progetto di Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata che sono partiti sulle orme della cantante messicana Chavela Vargas; regia di Giuseppe Provinzano. Tra pupi, narrazioni e musiche, una storia di euforia e solitudine, di incontri folgoranti e struggenti addii, tra iniziazioni sciamaniche e amori travolgenti.

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21,15 tranne “(Una) Regina” (ore 18); ulteriori informazioni sui biglietti e riduzioni sulla pagina facebook di Spazio Franco.

 

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.