Spazio Franco: "La carne è debole" di Giuseppe Lanino apre la rassegna Scena Nostra | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Dall'11 al 13 gennaio

Spazio Franco: “La carne è debole” di Giuseppe Lanino apre la rassegna Scena Nostra | Fotogallery

8 Gennaio 2019

Guarda la fotogallery in alto

Dopo l’anteprima, da poco conclusa, prende il via la rassegna Scena Nostra, con cui Spazio Franco, luogo di creazione e azione teatrale, inaugura il nuovo anno e la sua direzione artistica.

Da gennaio a marzo 2019 saranno undici gli spettacoli che si alterneranno nei locali ai Cantieri Culturali della Zisa; ad aprire la rassegna l’11 gennaio alle 21.15 sarà “La carne è debole” di e con Giuseppe Lanino, in collaborazione con Giuseppe Muscarello, produzione Lanino – LAV e PianoinBilico.

Lo spettacolo è un’approfondita critica agli allevamenti intensivi odierni, caratteristici dell’occidente industrializzato e non solo ormai.

Il cibo è tradizione, cultura, amicizia, divertimento, scambio, comunicazione, ritualità, comunione. Ma è anche tabù, sfruttamento, inganno, spreco, inquinamento, disperazione, morte.

Partendo da una breve introduzione storica che spiega come mai si è arrivati a questa forma estrema di sfruttamento, Lanino analizza le conseguenze drammatiche di una politica tanto scellerata: sfruttamento animale e umano, esaurimento delle risorse idriche, inquinamento, problemi alimentari nei paesi del terzo mondo, problemi climatici.

Una presa di coscienza per persone che spesso non si pongono le domande necessarie.

Un viaggio verso abitudini alimentari, e di vita, più moderate, verso un futuro fatto di responsabilità e sostenibilità.

L’argomento complesso unisce in una fitta rete di relazioni di causa-effetto tematiche che vanno da problemi etici a problemi sanitari, da interessi economici ad altrettanto grandi problemi ambientali. Di certo un argomento poco rappresentato in teatro.

Che relazione esiste fra l’industria bellica della seconda guerra mondiale e il pollo a 3 euro che mangiamo quando abbiamo molta fame e pochi soldi? Cosa unisce il filetto al pepe verde appena ordinato al ristorante con lo scioglimento dei ghiacci?
E’ tutto collegato. Siamo in una rete, o forse siamo nella rete…

Repliche il 12 gennaio (ore 21.15) e il 13 (ore 19).

All’interno della rassegna sono previsti anche appuntamenti “fuori programma”: il primo sarà “Il piccolo Amleto” di Claudio Collovà con i ragazzi dell’U.S.S.M. Centro di Giustizia minorile di Sicilia nei giorni 29, 30, e 31 gennaio.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona