Spazio Franco: "La carne è debole" di Giuseppe Lanino apre la rassegna Scena Nostra | Fotogallery :ilSicilia.it
Palermo

Dall'11 al 13 gennaio

Spazio Franco: “La carne è debole” di Giuseppe Lanino apre la rassegna Scena Nostra | Fotogallery

di
8 Gennaio 2019

Guarda la fotogallery in alto

Dopo l’anteprima, da poco conclusa, prende il via la rassegna Scena Nostra, con cui Spazio Franco, luogo di creazione e azione teatrale, inaugura il nuovo anno e la sua direzione artistica.

Da gennaio a marzo 2019 saranno undici gli spettacoli che si alterneranno nei locali ai Cantieri Culturali della Zisa; ad aprire la rassegna l’11 gennaio alle 21.15 sarà “La carne è debole” di e con Giuseppe Lanino, in collaborazione con Giuseppe Muscarello, produzione Lanino – LAV e PianoinBilico.

Lo spettacolo è un’approfondita critica agli allevamenti intensivi odierni, caratteristici dell’occidente industrializzato e non solo ormai.

Il cibo è tradizione, cultura, amicizia, divertimento, scambio, comunicazione, ritualità, comunione. Ma è anche tabù, sfruttamento, inganno, spreco, inquinamento, disperazione, morte.

Partendo da una breve introduzione storica che spiega come mai si è arrivati a questa forma estrema di sfruttamento, Lanino analizza le conseguenze drammatiche di una politica tanto scellerata: sfruttamento animale e umano, esaurimento delle risorse idriche, inquinamento, problemi alimentari nei paesi del terzo mondo, problemi climatici.

Una presa di coscienza per persone che spesso non si pongono le domande necessarie.

Un viaggio verso abitudini alimentari, e di vita, più moderate, verso un futuro fatto di responsabilità e sostenibilità.

L’argomento complesso unisce in una fitta rete di relazioni di causa-effetto tematiche che vanno da problemi etici a problemi sanitari, da interessi economici ad altrettanto grandi problemi ambientali. Di certo un argomento poco rappresentato in teatro.

Che relazione esiste fra l’industria bellica della seconda guerra mondiale e il pollo a 3 euro che mangiamo quando abbiamo molta fame e pochi soldi? Cosa unisce il filetto al pepe verde appena ordinato al ristorante con lo scioglimento dei ghiacci?
E’ tutto collegato. Siamo in una rete, o forse siamo nella rete…

Repliche il 12 gennaio (ore 21.15) e il 13 (ore 19).

All’interno della rassegna sono previsti anche appuntamenti “fuori programma”: il primo sarà “Il piccolo Amleto” di Claudio Collovà con i ragazzi dell’U.S.S.M. Centro di Giustizia minorile di Sicilia nei giorni 29, 30, e 31 gennaio.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.