24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32
Catania

i due si sono costituiti

Spazzacorrotti, in carcere ex sindaco ed ex assessore del Catanese

8 Febbraio 2019

Si sono costituiti ai carabinieri l’ex sindaco di Aci Catena, Ascenzio Maesano, e l’ex assessore comunale e presidente della commissione Finanza, Orazio Barbagallo, condannati, il 21 giugno del 2018 dalla Corte d’appello di Catania a due anni, 11 mesi e 28 giorni di reclusione per corruzione. La pena era stata concordata tra la Procura generale e le difese.

L’entrata in vigore della norma ‘spazzacorrotti‘ che dispone l’espiazione obbligatoria delle condanne per corruzione, in assenza di una norma transitoria, ha reso il decreto retroattivo. Barbagallo si è costituito ieri, ed è detenuto a pizza Lanza, Maesano oggi, hanno confermato i loro legali, gli avvocati Orazio Consolo e Enzo Mellia.

Maesano e Barbagallo, che hanno già scontato un anno di reclusione trascorso in carcere durante le prime fasi dell’inchiesta, furono fermati, insieme con l’imprenditore Giovanni Cerami, gestore di fatto della Halley Consulting il 10 ottobre del 2016 dalla Dia di Catania per un presunto pagamento di tangenti che l’imprenditore, secondo l’accusa, avrebbe consegnato al consigliere comunale, che l’avrebbe poi divisa con il sindaco.

Le indagini si sono avvalse anche di intercettazioni. Per l’accusa gli imputati avrebbero affidato alla societa’ Halley consulting il servizio di assistenza e manutenzione dei sistemi software e hardware del Comune di Aci Catena per oltre dieci anni mediante il ricorso dell’illegittimo istituto del rinnovo del contratto, e in violazione del divieto di frammentazione dell’appalto. E’ inoltre contestata l’aggiudicazione alla Halley consulting del progetto esecutivo Home Care finanziato dall’Unione europea.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.