Speriamo non sia tardi, esonerato Stellone, meglio tardi che mai. | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Avevamo ragione a chiedere un allenatore vero , ora si può credere ancora nella serie A

Speriamo non sia tardi, esonerato Stellone, meglio tardi che mai.

23 Aprile 2019

Questo il comunicato lapidario, ma rigenerante nell’entusiasmo fra i tifosi che ieri avevano subissato di fischi a fine gara l’allenatore e di conseguenza il gioco della squadra, della società:

“L’U.S. Città di Palermo comunica di aver sollevato dall’incarico l’allenatore Roberto Stellone ed il suo staff, a cui va il ringraziamento per il lavoro svolto.
La guida tecnica della Prima Squadra è temporaneamente affidata all’allenatore della Primavera Giuseppe Scurto, che questo pomeriggio dirigerà la seduta d’allenamento insieme al preparatore dei portieri Vincenzo Sicignano.”

Esonerato finalmente Stellone. Bravo Palermo e brava la società che dimostra di volere come noi, che siamo stati i soli a gridare il pericolo di avere ancora un allenatore come lui ,di volere fortemente la serie A.
Dopo questo, speriamo arrivato in tempo utile, provvedimento adesso siamo tornati a credere che in qualsiasi posizione arriveremo il Palermo andrà in Serie A, per cui di nuovo tutti allo stadio per aiutarli a vincere e raggiungere l’obiettivo della massima serie … la serie A e nonostante tutto saremo più forti e sapremo superare con slnacio ed entusiasmo le due sciaugure Tedino prima e Stellone poi.
Ora siamo convinti che chiunque verrà ad allenare il Palermo, , noi speriamo Ballardini o De Biasi, basta che non la pensi come lui o Tedino non potrà non fare se non benissimo .
Con il suo esonero è andato via il magone che avevamo dentro e siamo tornati a credere nella promozione nonostante gli ultimi punti che ci fa fatto perdere così come quelli che ci aveva fatto perdere lo scorso anno subentrato alla fine che ci lasciarono in serie B.
Grazie a lui lo scorso anno perdemmo la promozione diretta ma bisogna ricordare che prima di lui il nulla dell’ex allenatore ce ne aveva fatti perdere in campionato ben 32 tutti documentati in nostri precedenti articoli a partire da quelli persi in casa con l’Empoli guarda caso sarebbero bastati solo quei 2 perchè quest’anno tutti noi staremmo a seguire le partite del Palermo in serie A.
Di tutto questo cosa ci resta ? ci resta di essere stati ancora una volta i soli a denunciare quel che stava succedendo in campo senza per questo non essere sempre con onestà e correttezza pronti a dare comunque 10 e lode a tutti nel caso di vittoria anche se giocata con il solito schieramento pavido dell’11-0-0 in alcuni casi spacciato addirittura con un 4-2-4 e poi gli attaccanti hanno giocato tutta la partita a difendere e spalle alla porta.
E’iniziato il nuovo campionato del Palermo oggi ed il premio è la serie A adesso 3-4-3 squadra che gioca per vincere tutte le partite ed alla fine del campionato tutti pronti per festeggiare e dimenticare per sempre lo scorso campionato e questa parte di campionato senza gioco e pieno di errori tattici e moduli sbagliati e punti persi a ripetizione.
Fermo restando che tutti meriterebbero di giocare ed essere confermati anche in serie A manderemmo in campo Brignoli, Sziminsky, Rajkovic , Accardi o Mazzotta in difesa. A centrocampo Rispoli, Muravski, Fiordilino e Salvi. Ed avanti Nestorovski e Puscas e Falletti o Trajkovski o Moreo o Lo Faso con uno dei 4 in campo e gli altri pronti a subentrare per dare anche il loro prezioso contributo in avanti. e mai più 11 giocatori costretti tutti in area a difendere serve solo a fare confusione ne bastano 3 ognuno sull’uomo pe fermarli e se ci attaccano in due , 2 sull’uomo ed il terzo a fare il libero .
Per noi con questa formazione saremmo imbattibili ed all’occorrenza in avanti avremmo sempre Haas e lo stesso Jajalo che potrebbe tornare finalmente a giocare nel suo ruolo naturale che è quello di ala .

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.