Spese pazze all'Ars? Ma quando mai. La cassazione proscioglie tutti: evidentemente i pazzi siamo noi cittadini | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il tonfo di un'inchiesta che aveva molto fatto parlare di sé

Spese pazze all’Ars? Ma quando mai. La cassazione proscioglie tutti: evidentemente i pazzi siamo noi cittadini

di
2 Giugno 2017

Spese pazze all’Ars? Ma quando mai. Se lo sarà sognato qualcuno. E così, dopo anni di processi e controprocessi si sgonfia uno di quegli scandali che per un bel po’ aveva riempito con fiumi d’inchiostro le colonne dei giornali: parliamo dell’inchiesta sulle cosiddette “spese pazze” all’Assemblea regionale siciliana, che oggi ha ricevuto dalla Corte di Cassazione un mezzo colpo di mannaia. E infatti, la sesta sezione della Cassazione ha rigettato la richiesta della Procura di Palermo di annullare l’archiviazione (disposta il 12 luglio del 2016 dal Gup Riccardo Ricciardi) di 11 deputati dell’Ars accusati di alcuni casi di peculato per i rimborsi spesa alla Regione Siciliana.

Cinque di loro escono, così, definitivamente dall’inchiesta perché erano stati prosciolti da tutti i casi che venivano loro contestati. Si tratta di Francesco Musotto, Nicola D’Agostino, Nunzio Cappadona, Marianna Caronia e Paolo Ruggirello.

Per gli altri sei i giudici hanno confermato l’assoluzione da alcuni casi di peculato, ma la loro posizione giudiziaria resta pendente perché ci sono altre ipotesi di peculato per cui li accusava la Procura dai quali non sono stati prosciolti. Sono i parlamentari Giulia Adamo, Rudy Maira, Giambattista Bufardeci, Livio Marrocco, Cataldo Fiorenza e Salvo Pogliese.

Stando così le cose, in pratica i giudici della Cassazione hanno definitivamente confermato un principio e cioè, i rimborsi contestati sarebbero leciti e dunque non andavano perseguiti per legge. Dunque, i parlamentari avrebbero fatto bene a farsi rimborsare le spese sostenute per acquisti e cene varie.

I pazzi, evidentemente, siamo noi cittadini, che se acquistiamo qualcosa la paghiamo regolarmente e nessuno ci rimborsa alcunché, visto che non si tratta di “spese istituzionali”, come vengono usualmente definite quelle parlamentari. O forse, siamo solo persone normali, che spendono il denaro con oculatezza. 

 

FOTO © Copyright ANSA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.