Sport e salute al tempo dei social, l'opinione :ilSicilia.it

IL SEGRETO: COMUNICARE E FARLO BENE

Sport e salute al tempo dei social, l’opinione

di
10 Ottobre 2019

Quando parliamo di piano editoriale, fogli condivisi on line, call conference o Skype, spesso parliamo di smart working.

Quando ho pensato di affidare la gestione dei miei canali social a una professionista fisicamente lontana da me, ero un po’ titubante circa la riuscita del progetto perché nutrivo alcune remore dovute alla distanza e altre dovute al sempre poco tempo che riesco a ritagliarmi nell’arco della mia settimana lavorativa. Avevo bisogno di delegare, nel vero senso della parola e sin dall’inizio. Poi ho conosciuto Mariangela, seppur soltanto telefonicamente, e posso essere soddisfatto dell’inizio della nostra collaborazione”.

Claudio Suardi

A spiegarlo sono Claudio Suardi, docente e direttore tecnico Issa Europe nonché fondatore del centro fitness “Individual Training”, e Chiara De Nigris, storica collaboratrice del professore, punto di riferimento in Italia e in particolar modo su Roma, parte integrante del progetto di comunicazione social iniziato.

Il prof. Suardi non è certo il primo scettico in tema di comunicazione social e collaborazioni a distanza. E ci mancherebbe pure: siamo noi i nativi digitali, quelli che non conoscono distanze e conoscono i reali limiti del nostro lavoro, che non sono certo la necessità di vedersi ogni giorno per costruire una social brand image (anche da zero), o il bisogno di conoscersi necessariamente di presenza per lavorare insieme“, spiega Mariangela Galante, attuale social media manager di Suardi e Account Manager – Responsabile Social Media Marketing di SimplyBiz.

Mariangela Galante
Mariangela Galante

“Le relazioni cambiano, il mondo del lavoro pure, inequivocabilmente. Ho collaborato e collaboro spesso con professionisti e aziende lontane da Caltanissetta, città in cui vivo e lavoro; conosco bene le loro titubanze iniziali e i loro dubbi ma devo dire che con Claudio le cose hanno subito avuto un sapore naturale e sintonico. Ci ha creduto e lo ha dimostrato investendoci su. Fondamentale e unico è anche il contributo di Chiara, grande lavoratrice e prima sostenitrice del progetto”.

Claudio è un professionista molto affermato a livello nazionale e non; sono tanti i libri che portano la sua firma e migliaia i ragazzi che ha formato. Anche per me è stata una bellissima sfida quella di accettare la gestione della comunicazione dei suoi canali social; lavorare con un professionista molto impegnato e che si fida ciecamente del tuo operato è sempre una gran bella responsabilità!” continua Mariangela Galante. “Ma, come pensavo, è bastato giusto qualche giorno per calibrarci, l’aiuto fondamentale di Chiara e adesso le dinamiche sono fluide ed efficaci“.

I nostri obiettivi sono semplici e condivisi:

  • principalmente, fare bene quello per cui i social sono nati: comunicare, comunicare al meglio. Il settore in cui opera Claudio è quello del fitness, settore di nicchia possiamo dire, non certo il tanto amato calcio, per fare un esempio. Il nostro obiettivo è sensibilizzare atleti e non, addetti ai lavori o semplici appassionati attraverso la condivisione di video con esercizi specifici, pillole del prof. utili a tutti per condurre uno stile di vita sano oltre il classico live posting di eventi, gare, convegni in cui Claudio è protagonista. Molti sanno che il cervello è condizionato dall’efficienza fisica, da qui il detto, mens sana in corpore sano. “Se li si allena a lungo, si avrà una efficienza più’ duratura e migliore.” (cit. Eugenio Parati). L’esercizio fisico aumenta la produzione di cellule responsabili dell’apprendimento e della memoria. Sono sufficienti 10 minuti di esercizio leggero al giorno; nella nostra comunicazione, puntiamo e punteremo molto su questo aspetto.
  • Un altro importantissimo messaggio che rappresenta il fil rouge della comunicazione di Claudio è questo: l’attività fisica è un potente metodo per contrastare la sensazione di stress, ansia e depressione. Con l’esercizio, infatti, si verifica un immediato aumento di importanti trasmettitori come la serotonina, la noradrenalina, le dopamine e le endorfine. L’attività fisico-sportiva è un fattore di prevenzione, protezione e cura per molte patologie cronico-degenerative in presenza di infiammazione sistemica di basso livello. A tutto ciò, che ha una base prettamente scientifica e ampiamente dimostrata, vogliamo aggiungere la comunicazione di tutti i valori positivi ispirati dallo sport come il gioco di squadra, sacrificio, disciplina, abnegazione, tenacia, successo, redenzione, costanza. Giusto per citarne qualcuno.”, spiega nel dettaglio la 34enne nissena Mariangela.

Ci troviamo oggi di fronte a un nuovo codice comunicativo e a un concetto di lavoro, per certi versi, totalmente rivisto. Che ben vengano le collaborazioni a distanza se entrambe le parti credono fortemente nel progetto e nel messaggio da comunicare; le cose fatte bene, in ogni ambito e settore, hanno, il più delle volte, lunga vita. L’equazione pago un social media manager = non ci metto nulla di mio ma fa tutto lui non è vera al 100%; il social media manager diventa centrale quasi quanto l’impegno che ci mette il protagonista nel trasferire le sue competenze e il messaggio che vuole comunicare. In questo senso, sia Claudio che Chiara, si stanno rivelando preziosi”, conclude Mariangela Galante.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.